ASCOLI PICENO – Un gioiellino tornato a disposizione di tutti (anche se non nella sua completezza). Oggi mercoledì 16 febbraio è stata riaperta al pubblico la Civica Pinacoteca con un percorso ridotto a causa dei lavori di restauro resi necessari  in seguito al sisma del 2009. Messe in sicurezza le opere nelle sale del piano nobile interessate dai lavori, verranno restaurati i preziosi tendaggi e puliti i lampadari di Murano.

Per il momento il percorso sarà ridotto è sarà possibile visitare solo le seguenti Sale: Sala Antonio Ceci; Sala di Cecco; Sala del Pastorello; Sala Pellizza da Volpedo; Sala Diana e Sala del Puttino dormiente.

Il percorso artistico inizierà con opere del 1600 e 1700 e con opere della Collezione Ceci. Inoltre nelle Sale visitabili sono stati spostati molti arredi e suppellettili che erano nelle Sale chiuse al pubblico. Alcune opere “De Carolis, Tiziano, Guido Reni” sono in esposizione in altri musei italiani ed europei: Galleria d’Arte Moderna di Roma, Pinacoteca di Ancona e Museo di Praga.

Gli orari di apertura al pubblico sono dalle ore 10 alle ore 17 nei giorni infrasettimanali fino al 15 marzo; dalle ore 10 alle ore 19 sabato e domenica e dal 16 marzo tutti i giorni.

Il biglietto d’ingresso è unico per tutti i Musei Civici del Comune di Ascoli escluso il Forte Malatesta ed è  pari a: intero 6 euro, ridotto 4 euro.

(Letto 141 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 141 volte, 1 oggi)