SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dopo che nei giorni scorsi atti vandalici erano stati compiuti contro la bacheca dell’associazione CasaPound, in Piazza del Popolo ad Ascoli, nella notte tra mercoledì e giovedì 24 febbraio dei teppisti hanno imbrattato anche la sede del Pdl di Porto d’Ascoli, a San Benedetto. Il consigliere regionale del Pdl Giulio Natali interviene dicendo che “anche San Benedetto dopo Ascoli è stata vittima della presenza di ‘imbecilli’: ci sono ancora persone che per odio politico rompono vetrine o imbrattano sedi elettorali. Quanto accaduto la scorsa notte a San Benedetto è quanto di più vigliacco si possa attuare per dichiarare la propria diversità d’opinione”.

Continua Natali: “Ci siamo lasciati alle spalle questi modi di fare politica più di 20 anni fa, si è cercato di intraprendere la strada del confronto pacifico che potesse dare ai cittadini la serenità nel poter discutere dei temi politici senza avere paure o ricevere intimidazioni varie. Il candidato sindaco Bruno Gabrielli ha tutta la mia solidarietà e lo incoraggio ad impegnarsi ancora di più per dare una svolta nell’attività amministrativa del Comune San Benedetto del Tronto perseguendo la strada di un confronto leale”.

“Pensare che Veltroni neanche una settimana fa veniva a dare il via alla campagna elettorale dell’uscente sindaco Giovanni Gaspari, e incontrandosi con la famiglia dell’ex brigatista pentito Peci esprimeva la sua vicinanza per la morte del familiare avvenuta negli anni più brutti della vita politica italiana, non vorrei che questo fatto possa aver risvegliato dei sentimenti particolari nelle persone nostalgiche di quegli anni.

Auspico che l’accaduto non influenzerà il confronto elettorale, e mia auguro che sarà all’insegna della correttezza e della lealtà”, conclude Natali.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 541 volte, 1 oggi)