ASCOLI PICENO – Sabato 26 e domenica 27 febbraio, il palasport Galosi di Monterocco ha ospitato la prima giornata del campionato di serie C di torball, uno degli sport più praticati da atleti non vedenti o ipovedenti.

Le squadre, composte da tre giocatori (più tre riserve), si affrontano su una superficie di gioco divisa da tre cordicelle dotate di campanelli che costituiscono la linea di metà campo e, all’interno di ogni frazione, due linee di ulteriore divisione. Alle due estremità sono posizionate le porte, larghe quanto il campo di gioco.

Il pallone contiene dei campanelli in modo che i giocatori, non vedenti assoluti o ipovedenti, ma comunque bendati, possano intuirne la traiettoria. Il gioco consiste nel tirare la palla con le mani verso la porta avversaria facendola passare sotto le cordicelle. Se il pallone tocca le corde la squadra avversaria ha diritto a una punizione.

La manifestazione è stata organizzata dalla Polisportiva Picena non Vedenti di Ascoli, in collaborazione con la sezione locale dell’Unione italiana ciechi e ipovedenti, la Fondazione Simona Orlini e il Comitato italiano paralimpico e il patrocinio del Comune e della Provincia di Ascoli.

Al bilancio senz’altro positivo per quanto riguarda l’aspetto organizzativo, non corrisponde un risultato sportivo altrettanto soddisfacente per gli atleti di casa della Polisportiva Picena non Vedenti. La squadra ascolana ha aperto la manifestazione sabato pomeriggio, nel derby con l’esperta compagine di Teramo, composta da ex giocatori di serie A, uscendo sconfitta per 2 a 4 da una partita disputata alla pari, ma viziata da qualche errore arbitrale.

Nella seconda partita di giornata, la Picena ha perso per 3 a 4 contro il Campobasso, pur avendo dominato a lungo, e nel terzo incontro ha concesso una vittoria di misura alla squadra del Napoli (4-5), sprecando il vantaggio mantenuto per buona parte della gara.

L’unica vittoria di giornata per la formazione di casa è arrivata nell’ultima partita, conclusa con un netto 10 a 0 sull’Agrigento, formazione alla sua esperienza con il torball.

Domenica, nella prima delle due gare previste per i ragazzi ascolani, il Foggia ha superato agevolmente la Polisportiva Picena con un netto 7-3, mentre nell’ultima partita contro la squadra di Latina, seconda in classifica con ben 12 punti, la Picena si è riscattata con una vittoria per 6 a 2.

Nel complesso, la squadra ascolana avrebbe potuto forse raccogliere qualcosa di più dei 6 punti totalizzati, ma i giochi sono ancora aperti: nessuna delle squadre ha mostrato una netta superiorità rispetto alle altre e la classifica provvisoria risulta decisamente equilibrata.

Il prossimo appuntamento è in programma a Campobasso il 7-8 maggio.

(Letto 318 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 318 volte, 1 oggi)