ASCOLI PICENO – Così come il cammino in classifica dell’Ascoli procede a piccoli passi, anche le vicende relative alla vendita della società di corso Vittorio Emanuele sembra segnare il passo, salvo piccole scosse. Una di queste è stata data in diretta sulle frequenze di RadioStudio99, in occasione della trasmissione ‘Il Bianco & il Nero’, che ha avuto come ospite in collegamento telefonico l’editore Elido Fazi, il cui nome gira da tempo nella lista dei possibili co-acquirenti.

Alla richiesta da parte dei conduttori della presenza o meno di novità sulla vicenda, l’imprenditore originario di Quintodecimo di Acquasanta ha confermato di non aver ancora avuto nessun contatto con Piero Palatroni, ma, a sorpresa, ha poi rivelato: “Qualche giorno fa, una delle figlie del presidente Benigni mi ha telefonato per chiedermi la conferma della mia disponibilità ad entrare con eventuali cordate. Da parte mia – ha continuato Fazi – questa disponibilità c’è e ci sarà sempre, a patto, ribadisco, di poter prima conoscere i documenti contabili della società. Tutto somamato – ha poi ironicamente aggiunto – credo che, con un paio di lauree in economia (e un’esperienza da manager in Inghilterra, ndr) alle spalle, potrei capirci qualcosa”.

Su chi fosse tra le figlie, quella ad averlo contattato, Fazi, ha solo detto che si tratta di colei che segue meno da vicino l’Ascoli Calcio. Sarà Silvia? In ogni caso, l’editore ha prima precisato che “per adesso non c’è nulla di concreto, e siamo lontani da averlo”, poi ha ammesso la stranezza del fatto che a contattarlo non sia stato colui che dovrebbe, in teoria, farlo in qualità di compratore, ovvero il portabandiera dell’unica cordata in atto Palatroni, bensì l’altra parte, il venditore, rappresentata dalla famiglia Benigni. Infine, sul possibile ritorno in città dell’imprenditore Bellini e, dunque, sull’opportunità di un incontro in merito, l’editore si è detto possibilista: “Se davvero così fosse, sarebbe una buona occasione per incontrarci e parlare”.

D’altronde, non è una novità, ma un’ulteriore conferma, che l’entourage del presidente Benigni abbia in Elido Fazi un interlocutore quasi privilegiato, visto anche che quest’ultimo, già sul finire degli anni ’90, fu vicino a rilevare la società. A questo punto non è da escludere, nei prossimi mesi, neanche un potenziamento del ruolo dello stesso Fazi nelle trattative di compravendita.

(Letto 376 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 376 volte, 1 oggi)