ASCOLI CALCIO – C’mon Picchio, altri tre punti. Tre punti per mettere il naso fuori dalla zona retrocessione e agganciare il Cittadella, sconfitto sabato, che a quota 35 occupa attualmente il sestultimo posto. Nel caso diventerebbe quintultimo in coabitazione. Daccordo, è presto per fare calcoli. Da qui in avanti bisognerà navigare a vista giocando partita per partita. Ma è comunque importante arrivare quanto prima a respirare l’aria della salvezza.

Contro il Vicenza, che sabato scorso ha sconfitto in casa il Novara per uno a zero, i bianconeri dovranno recuperare la gara sospesa per  impraticabilità del campo lo scorso primo marzo in seguito all’alluvione che in quei giorni ha colpito le Marche.

Appuntamento perciò domani sera allo stadio Del Duca con inizio alle ore 20.45 . Designata la stessa quaterna del primo marzo, con arbitro il signor Nasca di Bari.

Castori dovrà però fare a meno di Alex Pederzoli: il centrocampista, ammonito nel corso del match col Cittadella, era in diffida ed è stato squalificato. Ancora  Mendicino a fare da spalla, sulla fascia, a Fecsezin, visto che Lupoli ha accusato un riacutizzarsi del dolore alla caviglia. Il dubbio più grande riguarda ovviamente l’altro laterale di centrocampo. Dopo la grande prova, e il gol partita, contro il Cittadella, Castori  difficilmente rinuncerà a Giorgi. L’assenza di Pederzoli libera un posto a centrocampo. Anche Uliano è indisponibile, perciò quel ruolo rimane scoperto. Il tecnico ha convocato Capece, Margarita e Doumbia. Ma è possibile anche che uno tra Giorgi e Cristiano giochi più centrale. Gli impegni ravvicinati (sabato al Del Duca arriva anche il Torino per l’anticipo della dodicesima di ritorno) imporrano comunque il turn-over.

(Letto 137 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 137 volte, 1 oggi)