ASCOLI PICENO – Esplosione notturna danneggia il locale di una agenzia interinale in centro. Ad essere colpita, la sede di Obiettivo Lavoro in zona Lungo Tronto.

Testimoni e abitanti della zona, dicono di aver sentito un botto fortissimo intorno alle 2 della notte fra mercoledì e giovedì sul lungo Tronto Bartolomei.

L’ufficio ha tre vetrine, visibili dalla strada. Una di queste è stata per buona parte mandata in frantumi dall’esplosione di una bomba carta che ha danneggiato anche due porte presenti all’interno.
Non sono state notate scritte o emblemi di carattere politico nei pressi dell’ufficio, tantomeno rivendicazioni. Giovedì mattina, ci riferiscono dei testimoni, l’aria intorno all’ufficio era ancora intrisa dell’odore di polvere esplosiva. I Carabinieri indagano sull’episodio vandalico. Ancora non ci sono elementi utili per poter individuare la natura del dolo.

La dinamica dell’accaduto  fa pensare ad un’ azione mirata e quindi non ad un semplice atto di vandalismo, anche se il titolare della agenzia, da noi contattato, afferma di non avere sospetti su nessuno e di non riuscire  ad individuare eventuali motivi di rancore contro il proprio ufficio.

Nonostante il rumore dell’esplosione si fosse sentito distintamente in tutto il centro storico, forse anche a causa della vicinanza con il profondo letto del fiume, i Carabinieri sono giunti sul posto soltanto questa mattina dopo la segnalazione  da parte di una dipendente che per prima si è recata in ufficio per l’apertura e ha trovato la vetrina semidistrutta. Dai residui dell’ordigno raccolti sul posto pare che per l’esplosione sia stato utilizzato un grosso petardo con miccia a combustione lenta, simile alle famose “cipolle” utilizzate sopratutto nei festeggiamenti di Capodanno. Si tratta comunque di un esplosivo di grosse dimensioni e in grado di fare anche ingenti danni, come mostrano le foto. I Carabinieri stanno verificando se a livello nazionale sono stati compiuti atti simili in questi giorni per poter rintracciare una eventuale pista. Nel nostro territorio, episodi del genere non si sono avuti. Ci sono state delle esplosioni dolose alcuni mesi fa che hanno danneggiato le vetrine di alcune sedi di partito, ma per gli inquirenti non ci sono collegamenti con l’episodio di Lungo Tronto, quindi si è orientati ad escludere la pista politica. Più probabile, dunque, che si sia trattato di qualche atto vendicativo.

(Letto 914 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 914 volte, 1 oggi)