NOVARA: Ujkani, Gemiti, Ludi, Lisuzzo, Morganella, Porcari, Marianini, Rigoni, Motta (62′ Parola), Gonzalez (72′ Rubino), Bertani. A disp: Strukelj, Fontana, Coubronne, Pinardi. All: Tesser

ASCOLI: Guarna; Ciofani (53′ Mendicino), Faisca, Micolucci, Calderoni; Gazzola, Moretti (73′ Uliano), Di Donato, Giorgi, Feczesin, Lupoli (58′ Romeo). A disp: Maurantonio,Marino, Capogrosso, Doumbia. All: Bocchini

Arbitro: Tozzi di Roma

Rete: Bertani al 31′

NOVARA- Un brutto Ascoli cade a Novara per 1-0 e viene superato in classifica dal Portogruaro, in attesa di martedì, quando i bianconeri avranno una ghiotta occasione per fare punti a Crotone, per il recupero della trentesima giornata, rinviata per pioggia. A non rendere più pesante il passivo ci hanno pensato l’imprecisione dei piemontesi nello sprecare le numerose palle gol e l’arbitraggio che, proprio quando non serviva, ha graziato l’Ascoli negando un netto rigore ai padroni di casa.

Oltre all’assenza di Cristiano e di Castori, che per squalifica è stato sostituito in panchina dal vice Riccardo Bocchini, il Picchio deve rinunciare all’ultimo momento anche a Pederzoli. Un’assenza che peserà alla lunga sul match. Al suo posto Ciofani, con l’avanzamento di Gazzola come esterno di centrocampo e l’accentramento di Giorgi. Come prima punta Lupoli, invece di Feczesin, dirottato stavolta sull’out mancino.

L’inizio del match è piacevole e l’Ascoli non pare intimorito dalla squadra di Tesser, ordinata e offensiva come sempre. Dopo il botta e risposta fra Motta (ex della gara insieme a Parola in panchina) e Lupoli, i cui tiri non sono precisi, la prima vera palla gol è per l’Ascoli: Giorgi riceve da fuori area e quasi da fermo spaventa Ujkani con un tiro che si alza di poco sopra la traversa. Da qui in avanti è solo Novara, però: al 15′ cross di Marianini che percorre l’intera area senza deviazioni, alla fine la conclusione di Rigoni è deviata in angolo. Sullo stesso corner, Guarna salva il risultato su colpo di testa di Lisuzzo.

L’Ascoli non reagisce, anzi, spreca molte palle a centrocampo, non rendendosi mai veramente pericoloso. Lupoli, ancora in giornata no, non usa la velocità che possiede, mentre Giorgi è l’unico a dare vivacità alle azioni. Al 27′ il Novara sfiora ancora il vantaggio: prima il palo, poi la traversa a distanza di qualche secondo salvano il Picchio che, però, va sotto al 31′: tipica azione in verticale Motta-Gonzales-Bertani con quest’ultimo che finalizza in diagonale chiudendo un bel contropiede. Dopo un minuto è ancora Bertani a divorarsi il raddoppio a tu per tu con Guarna. Il Novara prende in pugno la partita (e non la lascerà fino alla fine), servirebbe un guizzo. Allora Giorgi, al 38′ ricaccia tutta la sua tecnica per un bellissimo tiro a giro che aggira l’estremo di casa, ma esce di qualche centimentro.  Prima dell’intervallo, il Novara avrebbe ancora l’occasione di raddoppiare, ma l’arbitro Tozzi non vede un clamoroso fallo di mano di Faisca a due passi da Guarna.

Nella ripresa il copione non cambia. L’undici di Tesser appare più coeso e sicuro di sè, al contrario Di Donato e compagni sembrano, per la prima volta sotto la gestione Castori, quasi impauriti di fare le giocate, oltre che sfilacciati in campo. Sarà un caso, ma la squalifica di mister Castori si è fatta sentire. Dopo un altro palo colpito da Gonzales al 21′, Feczesin ha l’occasione di pareggiare ma il suo colpo di testa su cross di Gazzola esce alto. Entrano Mendicino e Romeo, eppure in attacco si fa fatica. Così l’occasione migliore è ancora per i padroni di casa, ma il diagonale di Gemiti non è preciso quanto basta.

(Letto 199 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 199 volte, 1 oggi)