CROTONE – L’Ascoli rimedia a Crotone una brutta sconfitta. La seconda in tre giorni. E dire che il pareggio sembrava un obiettivo alla portata degli uomini di Castori, che invece ora vedeono complicarsi ancora di più la propria posizione in classifica. Un risultato positivo in Calabria, infatti,  avrebbe trascinato nella lotta per non retrocedere anche il Crotone, che ora invece compie una seria impennata in chiave salvezza. A parziale giustificazione della prova dei bianconeri i molti impegni ravvicinati (era la quarta gara in due settimane) che hanno causato una generale, ed oggi palese,  stanchezza nelle gambe dei giocatori. Per tutta la gara la squadra è apparsa molle e priva di idee.

Ma il grosso problema  rimane la scarsca vena realizzativa delle  punte. Rispetto alle ultime stagioni infatti, quest’anno all’Ascoli manca un uomo- gol. O meglio,  manca uno che sappia semplicemente segnare quando ha una buona opportunità. Perchè troppo spesso gli attaccanti sbagliano gol clamorosi. Lupoli e Fecsezin hanno continuato anche oggi ad accusare una seria e sempre più preoccupante allergia al gol. Mendicino non era in giornata, e non si può sperare che un giovane di vent’anni arrivi sempre a salvare la “baracca”. Le qualità di Romeo non si discutono ma l’attaccante è reduce da un lungo infortunio e spesso non è al top. Insomma se non segnano i centrocampisti o i difensori, la situazione si fa complicata.

LA GARA. Subito novità in formazione: Romeo dal primo minuto, Feczesin spostato a sinistra e Mendicino a destra. Lupoli e Giorgi in panchina. Gazzola, invece, non ha recuperato.

CROTONE: Belec; Crescenzi, Viviani, Abruzzese, Migliore; Eramo, Galardo; Cutolo, Russotto, De Giorgio; Djuric

ASCOLI: Guarna; Ciofani, Faisca, Micolucci, Calderoni; Mendicino (Doumbia all 76′), Moretti (Lupoli dal 60′), Pederzoli, Di Donato, Feczesin, Romeo (Giorgi dal 55′ s.t.).

Si parte dal 6′ minuto di gioco.

Primo squillo Ascoli dopo 5′: Mendicino crossa dalla destra e trova Romeo che di testa manda alto.

Al 15′ occasionissima per il Crotone: Cutolo tutto solo dentro l’area manda alto dopo una deviazione su punizione.

Al 19′  Calderoni per Romeo in area che con un bel guizzo si libera e spara il sinistro sull’incrocio dei pali. Ascoli vicino al vantaggio.

Al 40′ VANTAGGIO CROTONE: mentre la partita scivolava sullo 0-0, l’equilibrio è rotto da una bella azione personale di Eramo che si fa quaranta metri palla al piede superando prima Micolucci, quindi Faisca in velocità e insacca Guarna, incolpevole

Al 43′ La partita si scalda. Dopo un intervento in ritardo di Ciofani (poi ammonito) ai danni di De Giorgio davanti alla panchina rossoblù, Menichini entra in campo scagliandosi contro lo stesso terzino bianconero. L’arbitro Tommasi, dopo un accenno di rissa,  lo allontana.

Al 45′ +2′- Finisce il primo tempo. Ascoli inizialmente più pericoloso, ma al riposo i calabresi sono in vantaggio per 1-0.

al 46′- Squadre di nuovo in campo. Fischio d’inizio di Tommasi. Nessun cambio all’intervallo da parte dei tecnici Menichini e Castori

al 51′-  Occasione Crotone: punizione tagliata di Cutolo da destra, non deviata da nessuno, Guarna devia all’ultimo in corner

Al 55′- Cambio nell’Ascoli. Giorgi al posto di Romeo

Al 56 – Feczesin, che con l’ingresso di Giorgi diventa prima punta, si fa vedere con un bel diagonale di destro deviato in angolo da Belec.

Al 60′-  Ancora un cambio di Castori: entra Lupoli, esce Moretti. Si passa al 4-4-2 con Feczesin-Lupoli coppia d’attacco

Al 69′- Ascoli privo di idee in attacco. Il Crotone si difende senza troppi affanni.

Al 72′- I bianconeri cercano di costruire la manovra ma il Crotone si chiude bene per poi giocare di rimessa. I nuovi entrati, Lupoli e Giorgi, ancora non hanno inciso

Al 75′ – Primo squillo di Giorgi, ma il suo tiro su appoggio in area di Feczesin non preoccupa il portiere scuola Inter, Belec.

Al 76′ – Ultimo cambio di Castori: entra Doumbia al posto di un assai deludente Mendicino

Al 82′ –  Il Crotone controlla bene, soprattutto a causa di un brutto Ascoli che non si rende mai pericoloso. Imprecisione e stanchezza la fanno da padrona tra gli uomini di Castori, oggi in maglia gialla

Al 88′ – Doppia occasione nel giro di pochi secondi per l’Ascoli: prima Pederzoli dal limite si fa respingere il destro, poi Feczesin, pescato in area da Di Donato, spreca clamorosamente mettendo di sinistro a lato.

All’89’ – Ora il Picchio ci crede, è arrembaggio finale

Al 90′ – Clamorosa a dir poco occasione per il pareggio. Belec in uscita bassa si fa sfuggire la sfera, Lupoli a porta vuota manda incredibilmente a lato di sinistro

Al 90′- Saranno 4 i minuti di recupero

Al90’+4′- Finisce la gara. Un Ascoli deludente perde di misura e spreca una ghiotta occasione per migliorare la propria classifica. Decide un gol di Eramo che, al 40′ si fa mezzo campo palla al piede e trafigge Guarna. Male Lupoli e Feczesin. Romeo sostituito troppo presto?

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 485 volte, 1 oggi)