Ecco come abbiamo visto la partita Crotone – Ascoli.

Guarna 6: Sul vantaggio di Eramo poco poteva fare. Per il resto non è quasi mai impegnato, tranne una punizione insidiosa di Cutolo. Ammonito non si sa per cosa prima di un rinvio dal fondo, salterà per squalifica, insieme a Micolucci, la gara con il Sassuolo.

Ciofani 6: Dalla sua ha il fatto che detta sempre il passaggio in fase offensiva, cercando spesso il cross dal fondo.

Faisca 5: E’, insieme a Micolucci, il corresponsabile del vantaggio del Crotone. Poteva fermare prima Eramo, con le buone o con le cattive, o con un pizzico di esperienza.

Micolucci 4,5: Mezzo voto in meno perché la sua posizione d’attesa nei confronti di Eramo in occasione del gol è alquanto imbarazzante. Ma non è l’unica volta che viene colto in difficoltà nella posizione.

Calderoni 6: Senza infamia e senza lode, ha l’onore di mettere cattiveria e volontà in ogni contrasto. Suo il cross per l’occasione di Romeo nel primo tempo

Mendicino 4,5: Insicuro e poco cattivo in ogni sua giocata. Si fa vedere pochissimo, come quando controlla male il pallone interrompendo un bel contropiede nel secondo tempo (dal 76′ Doumbia sv. per come si era messa la gara, poche possibilità per incidere)

Moretti 5,5: Solito lavoro double face, sia d’interdizione che di costruzione. A inizio ripresa poteva essere più lucido e tirare di prima su una palla arrivata per caso dalle sue parti(dal 60′ Lupoli 4,5: un tiro a dieci minuti dalla fine, ma soprattutto l’occasione divorata al 90′, per di più col suo piede preferito. Non sei tu, Re Artù.)

Pederzoli 6: E’ tra i meno peggio, almeno per la consueta sapienza tattica che imprime alle sue giocate. Sfiora il pareggio con un bel destro da fuori. Peccato per qualche corner impreciso.

Di Donato 6: Il capitano lotta, spesso rompendo le azioni degli avversari. Ma è bravo anche a mettere davanti alla porta Feczesin con un bel lancio. Si salva come il suo compagno di reparto.

Feczesin 5: Da esterno combina poco, nella ripresa si fa vedere di più messo al centro dell’attacco, ma quel sinistro a lato… Dov’è finito l’ungherese visto qualche mese fa?

Romeo 6,5: Il migliore dell’Ascoli per intensità e pericolosità. Lotta su ogni pallone, tanta corsa e soprattutto l’incrocio preso dopo un grande movimento da bomber. Esce forse troppo presto(dal 55′ Giorgi 5,5: Ci prova, ok, con un tiro cross che smuove la gara, ma dai suoi piedi tutti i tifosi bianconeri si aspettano molto, molto di più).

All. Castori 5: Brucia più di tutti questo voto, ma ok, la sconfitta col Torino, ok, data la sua assenza, quella a Novara, ma oggi? L’avversario non era irresistibile, eppure i bianconeri hanno perso lo smalto e la cattiveria con cui ci avevano ‘viziati’. Sappiamo che questo non è l’Ascoli di Castori, con il Sassuolo in casa, siamo sicuri, ci sarà il riscatto. Però  Mister, una cosa sola: ci spieghi perché hai levato Romeo così presto?

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 532 volte, 1 oggi)