Queste le formazioni di Ascoli-Varese.

VARESE (4-4-2): Zappino; Pisano, Pesoli, Dos Santos, Pugliese; Zecchin(46′ Correa), Corti, Frara, Carrozza; Ebagua (88′ Tripoli), Neto Pereira(71′ De Luca). A disp: Moreau, Camisa, Osuji, Nadarevic. All: Sannino

ASCOLI (4-5-1): Guarna; Ciofani, Faisca, Marino, Calderoni; Gazzola, Moretti (37′ Uliano), Pederzoli, Di Donato, Cristiano (39′ Mendicino); Feczesin (46′ Romeo). A disp: Lenzi, Micolucci, Lupoli, Antonio.

Arbitro: Guida di Torre Annunziata

Reti: Al 9′ Carrozza, al 33′ Feczesin su rigore

Un Ascoli coriaceo conquista un preziosissimo punto a Varese in quella che era tra le più difficili partite di questo finale di stagione. Di Donato e compagni disputano una gran bella gara, non lasciando agli avversari nessun pallone, anzi, spesso giocando meglio della quarta forza del campionato. Alla bella rovesciata di Carrozza risponde un rigore trasformato e procurato da Feczesin, che si fa perdonare l’errore del derby con il Pescara.

Novità rispetto alla vigilia per l’Ascoli: Castori alza Gazzola a centrocampo e inserisce Ciofani in difesa dove Marino viene confermato. Davanti, Feczesin unica punta. Mister Sonnino, invece, punta alla forza fisica di Ebagua e all’estro di Neto Pereira e Carrozza.

PRIMO TEMPO

Dopo dieci minuti equilibrati con folate da ambo le parti, il Varese alla prima occasione passa in vantaggio: bella azione corale dei biancorossi, Neto Pereira pesca bene Carrozza in mezzo all’area, l’esterno, forse troppo solo, controlla di petto e insacca Guarna con una rovesciata da applausi. E’ 1-0 per il Varese che fa saltare subito i piani dei bianconeri. L’Ascoli soffre la sua poca consistenza in attacco, così sono Moretti e Gazzola, con due tiri da fuori, a concludere senza però creare problemi a Zappino.

Ma l’Ascoli non è passivo, alza la testa e ci crede. Al 25′ l’occasione per pareggiare viene regalata dallo stesso Zappino che, in uscita alta, si fa sfuggire la sfera in area, ma ben tre giocatori bianconeri non riescono a metterla dentro. I bianconeri crescono e Feczesin, lanciato da Gazzola, fa partire un forte diagonale quasi da fondo campo, ma in mezzo non c’era nessuno. Dopo un break di Ebagua, ancora i ragazzi di Castori a creare pericoli: Feczesin supera un avversario, giunto in area serve Cristiano il cui tiro a giro è deviato in angolo da un difensore. Passano 4′ e arriva il meritato pareggio: ancora l’ungherese protagonista che protegge palla in area, cerca di superare Pesoli che lo atterra proprio sulla linea dell’area. Guida (ottima la sua direzione di gara) a due passi decreta il rigore. Sul dischetto va lo stesso Feczesin che batte Zappino e cancella l’errore dal passato. Da qui all’intervallo si registra solo l’uscita per infortunio di Moretti. Al suo posto Uliano. Bel primo tempo dei bianconeri che, spavaldi, hanno più attaccato che difeso. I tre angoli a zero nei primi 45′ ne sono la dimostrazione.

SECONDO TEMPO

La ripresa si apre con un cambio per parte: dentro Romeo per Feczesin nell’Ascoli, mentre Sannino butta dentro Correa per Zecchin. Il neo entrato di Sannino entra subito in partita: al 8′ una sua punizione da sinistra sul secondo palo spaventa i circa 50 tifosi bianconeri giunti al ‘Franco Ossola’, ma un super Guarna respinge in angolo. Passano 5′ e ancora Varese con Carrozza, ma il suo tiro si alza di poco. I padroni di casa cercano di fare la partita, ma l’Ascoli controlla bene e ogni tanto cerca qualche incursione. Come al 25′ con Gazzola che crossa per Romeo, ma il suo colpo di testa è alto. Al 33′ ancora Carrozza, con un tiro a giro dal vertice sinistro dell’area cerca di superare Guarna che si supera alzando quanto basta la sfera sopra la traversa. E’ l’ultimo pericolo scampato dai bianconeri che escono imbattuti con pieno merito dal fortino lombardo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 185 volte, 1 oggi)