ASCOLI PICENO – Riceviamo dai tifosi della Curva Sud Rozzi.

“Intendiamo fare luce sui fatti e sugli abusi subiti gratuitamente all’ uscita del settore ospiti dello stadio “Ossola” di Varese e fare chiarezza sulle voci divulgate da alcuni organi di stampa “male informati”. – scrivono in un comunicato i tifosi  della curva sud Rozzi – Usciti dal cancello, abbiamo trovato il pullman in prossimità dell’uscita, circondato da agenti in assetto anti-sommossa. Visto l’orario della partita, i chilometri da percorrere, l’assenza di bar nel settore, era nostra intenzione prendere dagli zaini cibo ed acqua, inoltre data la presenza di alcuni tifosi con necessità di assumere medicinali ad orari prefissati, ci siamo avvicinati al vano bagagli del mezzo. Per tutta risposta, siamo stati aggrediti prima verbalmente e poi fisicamente dagli agenti di polizia e dei carabinieri, che istigati dai loro superiori, ci hanno spinto prima sul pullman utilizzando scudi e manganelli, e poi hanno cercato di salire a bordo, nonostante la situazione non richiedesse assolutamente un’ azione così spropositata. Mentre ciò accadeva due nostri ragazzi sono stati fermati e sottoposti a provvedimento daspo, tra l’ altro uno di loro veniva portato in questura per l’ identificazione e tratto in arresto subendo ulteriori soprusi.
Non saranno questi episodi a scalfire la nostra passione”

(Letto 542 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 542 volte, 1 oggi)