ASCOLI PICENO – Otto milioni di euro per realizzare dieci nuovi punti vendita nelle province di Ascoli, Fermo e Macerata. Conad Adriatico ha reso note le proprie prospettive di investimento a breve termine, che svilupperanno secondo le previsioni della cooperativa circa 50 milioni di euro di giro di affari e creeranno circa 150 nuovi posti di lavoro. Top secret, per ragioni legate alla concorrenza, le localizzazioni esatte dei nuovi punti vendita.

I 62 punti di vendita di Conad Adriatico presenti nelle tre province marchigiane, secondo i dati presentati martedì mattina ad Ascoli dal management del gruppo, hanno sviluppato nel 2010 un fatturato di 70 milioni di euro, cresciuto del 6,4 per cento nei primi tre mesi dellʼanno in corso. La cooperativa opera nelle tre province marchigiane con 631 collaboratori e soci e detiene una quota di mercato del 7,3 per cento su base regionale e di circa il 10 per cento in ciascuna delle tre province del territorio. L’obiettivo dichiarato per i prossimi due anni è consolidare e aumentare la quota di mercato di due punti percentuale.
“Nelle ultime rilevazioni di Unioncamere la nostra azienda, per dimensione, è la prima impresa delle Marche nel comparto della distribuzione e la seconda in valore assoluto dietro la Merloni”, afferma l’amministratore delegato di Conad Adriatico Antonio Di Ferdinando.
Fra le novità presentate martedì mattina a Palazzo dei Capitani, al cospetto di autorità politiche e Camera di Commercio, anche la ristrutturazione della sede di Conad Adriatico a Stella di Monsampolo, che si completerà nel mese di giugno, per un investimento di quasi due milioni di euro. Secondo Di Ferdinando, si tratta di un segnale della volontà di mantenere le radici nella propria regione di origine e la ristrutturazione sarà all’insegna della migliore gestione degli spazi esistenti, con la creazione di un porticato, senza consumo di nuovo suolo.

Sono 159 i fornitori agroalimentari marchigiani da cui Conad Adriatico ha effettuato nel 2010 acquisti per oltre 55 milioni di euro.
Federico Stanghetta, direttore commerciale di Conad Adriatico, ha poi dato informazioni sull’espansione della cooperativa in Albania, dove vengono esportati prodotti di quasi tutti i fornitori marchigiani. Prodotti molto richiesti e apprezzati dalle fasce sociali albanesi, sia dalle elite che dalle fasce più basse, per le quali si sta sviluppando il format del discount. Sono sedici gli attuali punti vendita nel paese balcanico, altri due sono in apertura prima dell’estate.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 3.746 volte, 1 oggi)