ASCOLI PICENO – Parte giovedì 2 giugno 2011 alle 7:00 dalla stazione ferroviaria di Ascoli Piceno il trekking organizzato dal Club Alpino Italiano (Cai) di Ascoli per ricordare  il 150° anniversario dell’Unità d’Italia.

Il percorso si svilupperà in quattro giorni, toccherà quattro regioni (Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo) e attraverserà due parchi (Monti Sibillini, Gran Sasso-Monti della Laga).

Il percorso vuole simbolicamente rappresentare tutte le regioni e le montagne del territorio italiano che in quel lontano 1861 diedero vita alla formazione dell’Italia unita.

Nei quattro giorni il gruppo di escursionisti passerà più volte l’antico limite tra il regno delle Due Sicilie e lo Stato Pontificio, segnato da famosi termini di confine, molti dei quali ancora oggi in piedi. Due tra questi, in particolare, indicano il punto di contatto tra tre regioni: termine dei Pantani di Accumoli (segna il confine tra Marche, Umbria e Lazio); termine della Macera della Morte (segna il confine tra Marche, Lazio e Abruzzo).

L’affascinante trekking toccherà anche svariati centri abitati sia piccoli che grandi, alcuni dotati di rocche e castelli.

A fare da filo conduttore tra gli antichi borghi sarà l’antica e bellissima via Salaria, che condurrà i gitanti a Trisungo (luogo di partenza e arrivo a piedi), Arquata del Tronto, Forca Canapine, Cittareale, Cupello, Vezzano, Casali di Sopra, Torrita, San Benedetto, Colli, Amatrice e Retrosi.

Il gruppo, guidato da  Franco Laganà (presidente del Cai),  Dino Recchi e  Francesco Valente, è composto da: Alfredo Fabiani, Claudio Squarcia, Fabio De Angelis, Fabrizio Ionni, Fausto Mancini, Graziano Traini, Isabella Marinelli, Marco Panuccia, Mario Castelli, Michele Spina, Oriella Virivè, Roberto Mengoni, Rosella Antonucci, Patrizia Marcucci, Sandro Mecozzi, Sante Sebastiani, Tiziana Malizia.

(Letto 297 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 297 volte, 1 oggi)