CASTEL DI LAMA – Un’ importante esercitazione, organizzata dal Gruppo comunale di Protezione civile di Castel di Lama, avrà inizio il 10 giugno alle 14:30 nel piazzale antistante il cimitero comunale. L’apertura del campo base vedrà impegnati molti volontari alle prese con le più svariate attività, sia di allestimento del campo – montaggio tende, cucina da campo e preparazione delle diverse attrezzature specifiche – sia per tutte le successive attività di addestramento relative alla ricerca delle persone scomparse, che termineranno il 12 giugno alle 18:00 con la relativa consegna degli attestati e chiusura del campo.

L’annuncio ufficiale mercoledì, nella sala stampa del comune di Castel di Lama, del Sindaco Patrizia Rossini, l’Assessore provinciale Giuseppe Mariani e il Consigliere comunale Piero Mozzoni. Da subito il plauso dei funzionari che all’unisono riconoscono i meriti di Francesco Leonardi, fondatore e responsabile provinciale del gruppo di volontari della protezione civile di Castel di Lama, e di tutti quei volontari da sempre impegnati con passione in interventi di solidarietà di grande valore morale come quello, ad esempio, in occasione dei tragici eventi del sisma che colpì l’Abruzzo nel 2009.

“L’obiettivo dell’esercitazione – dichiara l’assessore Mariani – è quello di far conoscere tutte quelle dinamiche che poi rendono possibile il ritrovamento delle persone scomparse, attraverso delle tecniche di setaccio del territorio accurate ed attente ai minimi dettagli. La Provincia e le organizzazioni di volontariato- continua Mariani – si stanno impegnando fortemente sulla formazione dei volontari, con la ferma intenzione di creare dei corsi in aula per preparare il personale futuro nelle attività di ricerca in montagna e in mare. Il nostro sistema di Protezione civile – conclude con orgoglio l’assessore – è molto attivo e dinamico, di sicuro un modello di riferimento”.

“Un ringraziamento speciale agli operatori della Protezione Civile – aggiunge il Sindaco Rossini – che si impegnano non solo in occasione di interventi di calamità naturali, ma anche in eventi minori con la stessa identica passione e dedizione. L’esercitazione prevederà interventi di simulazione operativa nel raggio utile dal campo base di qualche centinaio di metri, con operazioni di ricerca all’interno di strutture abbandonate ed altri contesti simili. Nessuna paura, dunque – conclude scherzosamente il Sindaco – per i cittadini, qualora dovessero incontrare i nostri operatori impegnati nelle operazioni di setaccio delle zone interessate. Sono qualificati ed autorizzati in tal senso”.

Qualche dato fornito dal Consigliere comunale Piero Mozzoni : “Su 33 Comuni 26 sono coinvolti nell’evento, oltre che alla fattiva collaborazione della Regione Marche e l’Amministrazione provinciale di Ascoli Piceno. Il programma inizia venerdi 10 giugno alle 14:30 con l’apertura del campo base, l’iscrizione dei volontari – previsti un minimo di 150 unità – e una riunione dei responsabili o loro delegati. Le attività, nelle due successive giornate di lavoro, cominceranno la mattina alle 7:00 con lo schieramento dei volontari, direttive sulle attività e suddivisione squadre. Sabato alle 13:00 – conclude Mozzoni – ci sarà l’incontro con le autorità, tra cui il Direttore del dipartimento della Protezione civile della Regione Marche Roberto Oreficini”.

(Letto 690 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 690 volte, 1 oggi)