ASCOLI PICENO – Il Piceno vanta il maggior numero (circa 280) di B&B (bed and breakfast) e strutture ricettive extra alberghiere presenti sull’intero territorio regionale: è quanto è emerso ieri, alla Cartiera Papale, nel seminario di chiusura del corso di formazione in “Tecnologie di ricezione” promosso e finanziato dalla Provincia, che ha riscosso grande successo e partecipazione.

Un dato evidenziato anche lo scorso anno in un nostro articolo dedicato proprio a questo tipo di strutture ricettive presenti nelle Marche (Ascoli e San Benedetto, è “boom” Bed&Breakfast)

Davanti ad una sala gremita di operatori turistici, il Presidente Piero Celani ha illustrato gli aspetti salienti dell’iniziativa “che si inserisce nel più ampio progetto che la Provincia sta sviluppando per riqualificare il settore turistico relativamente all’accoglienza ed è nata durante la fase di ascolto per la costruzione del Piano di Marketing dell’Ente”. Erano presenti, tra gli altri, anche gli assessori Aleandro Petrucci (Lavoro), Bruno Gabrielli (Turismo), Pasqualino Piunti (Politiche Comunitarie) e Andrea M. Antonini (Cultura), il neo-sindaco di Arquata del Tronto Domenico Pala, i dirigenti scolastici Giovanni D’Angelo (ex preside dell’Istituto IPSSAR che ha ospitato il corso) e Alfonso Sgattoni (nuovo preside dell’Istituto), la dott.sa Fiorenza Pizi (responsabile del Centro di Formazione Professionale di via Cagliari), Domenico Piunti dell’AVIS di San Benedetto del Tronto e Luciana Cortellesi dell’associazione “Picus Arte”.

Il Presidente Celani, nell’esprimere viva soddisfazione per la riuscita e l’attenzione  riscossa dall’attività  formativa, ha anche annunciato  come nei prossimi mesi: “il corso in Tecnologie di ricezione verrà  ripetuto, anzi ne è in programma anche uno di II° livello per chi ha gia frequentato il primo” e ribadito la centralità delle politiche che incentivino la “diversificazione dei servizi” aggiungendo come “sia fondamentale puntare non solo sulla bellezza e sul fascino dei nostri luoghi, ma anche al miglioramento delle infrastrutture, delle strade e dei mezzi di trasporto”.

Ha quindi preso la parola il prof. Gianluca Gregori (preside della Facoltà di Economia dell’Università Politecnica delle Marche) che ha analizzato (con dati e grafici) le prospettive di crescita del turismo nel Piceno, rimarcando il preoccupante fenomeno dell’invecchiamento delle popolazioni nelle zone interne. E’ intervenuta, infine, la prof.ssa Maria Pia Spurio (coordinatrice del corso) che ha illustrato il percorso formativo incentrato su “ aspetti innovativi dell’accoglienza turistica come la sostenibilità ambientale, la comunicazione turistica e il cosiddetto house keeping ossia la cura e arte nell’arredo e decoro degli ambienti.

Al termine ha avuto luogo la consegna degli attestati di frequenza ai corsisti, ecco i loro nomi: Sandra  Albanesi,  Sabrina Amatizi, Andrea Angelini, Maria Angellotti, Antonella Borzacchini,  Anna Buonamici, Francesca Cantalamessa, Maria Rita Di Lorenzo, Emanuele Di Stefano,  Emanuele Fortuna, Elena Gentili, Nefer Ania Guerrieri,  Rosilla Lanzani, Simonetta Lucidi, Giorgia Mariani,  Valentina Mastangelo , Luciana Nespeca ,Vincenzo Paoletti,  Alessandra Porri,  Laura Silvi, Ascenzio Santini,   Francesco Servili,  Federica Tassi e  Leonilde Vagnetti.

(Letto 1.085 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.085 volte, 1 oggi)