ASCOLI PICENO – Per gli appassionati di motori è un appuntamento imperdibile, giunto ormai alla cinquantesima edizione. Parliamo della Coppa Paolino Teodori, cronoscalata automobilistica in salita organizzata dall’Automobile Club di Ascoli e Fermo.
Verifiche venerdi 17 giugno, prove ufficiali sabato 18 giugno e la gara domenica 19. Il percorso sarà come da tradizione tirato “a lucido”, grazie anche ad ulteriori interventi a favore della sicurezza, sarà più corto di 100 metri, ora ne misura 4938, con la linea d’arrivo arretrata per facilitare il rallentamento pre-parco chiuso. Gli oltre 200 partecipanti previsti disputeranno due manches da Colle San Marco a San Giacomo.
L’evento è valido anche quest’anno per il Campionato Italiano Velocità Montagna, la Coppa Europa ed il Challenge Internazionale.
Una interessantissima mostra fotografica storica sarà visibile presso l’Ostello San Marco.

Oltre alla festa per questo importante anniversario, quest’anno c’è un motivo in più per seguire la cronoscalata di San Marco di domenica prossima, 19 giugno: la partecipazione della vettura di casa Picchio sport P4.

La vettura affidata alle sapienti mani del pilota trentino Christian Merli e gestita dal team manager Franz Tschager ha tutte le carte in regola per ottenere un buon risultato, condizioni meteorologiche permettendo.

La P4, ultima nata in casa Picchio poco più di un anno fa, è in testa al campionato nella sua categoria (E2B) e vanta una brillante seconda postazione nella classifica assoluta a soli due punti dal primo classificato, con quattro podi su quattro gare disputate.

Unica vettura a correre in salita con un motore turbo, sviluppato dalla Picchio con 1750 cc e oltre 400 cv di cilindrata, sperimenta un’aerodinamica estrema e soluzioni innovative di dinamica del veicolo volte a migliorare il comportamento in curva.

Le sensazioni del pilota sono buone: “È sicuramente un tracciato veloce con una prima parte pianeggiante e subito due curve da affrontare con le gomme ancora fredde. Si continua con un misto molto veloce con l’ultima curva da pelo sullo stomaco. Non bisogna alzare il piede dall’acceleratore a circa 200 all’ora”, spiega Christian Merli che dal 2008 non gareggia sul tracciato ascolano. “Speriamo nel bel tempo e di portare a casa un buon risultato. Sull’asciutto delle prove a Verzegnis, Faggioli ci ha staccato di soli 0”58.”

La coppa Paolino Teodori è un appuntamento tradizionale per gli ascolani e gli appassionati di automobilismo, che quest’anno festeggia la sua cinquantesima edizione. Fino al 1986, il percorso prevedeva la partenza da Ascoli e l’arrivo al pianoro di San Marco. Dal 1987 al 1996 la gara si è svolta con partenza da Piagge e arrivo a San Giacomo. Dal 1997 invece il tracciato, lungo 4938 metri, si snoda da Colle San Marco a San Giacomo, con la linea del traguardo a 1000 metri di altitudine.

Nel giornalino speciale realizzato dagli organizzatori per il cinquantenario, il sindaco di Ascoli, Guido Castelli, sottolinea l’importanza di questo evento per la città: “Dal suo ideatore, Paolino Teodori, all’indimenticabile Mimì Cappelli, la gara ha sempre potuto contare sull’attivismo, sulla capacità e sulla determinazione di personaggi di grande spessore umano e professionale che hanno saputo abbinare la passione sportiva all’amore per questa nostra città. La cronoscalata, in questi anni, ha vissuto anche momenti non facili. Ma ha sempre saputo risollevarsi, ogni volta più bella ed importante di prima, grazie all’impegno dei suoi organizzatori che l’hanno resa un patrimonio della città.

Nell’ambito delle celebrazioni, quest’anno sarà presente Lucia Bursi, sindaco di Maranello e presidente dell’Associazione Città dei Motori, che accoglierà Ascoli tra i soci di questo prestigioso  club nazionale.

Per maggiori informazioni sulla gara, si può consultare il sito degli organizzatori all’indirizzo http://www.gsacascoli.org/teodori/main.asp.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 420 volte, 1 oggi)