ASCOLI PICENO – Riceviamo e di seguito pubblichiamo un comunicato da parte del sindacato dell’Ugl.

“La Curatela Fallimentare della Novico si sta assumendo una grave e delittuosa responsabilità; sta scivolando via furbescamente perché non vuole la proroga della CIGS.
La Curatela Fallimentare si era detta disponibile alla proroga della CIGS per i lavoratori perché ci sono richieste di interessamento sulla Novico di tre rinomate aziende che operano nel settore medicale; poi quando la Regione ha preannunciato la sua disponibilità ad una proroga ultimativa della CIGS per ulteriori due mesi, per consentire le opportune esplorazioni, la stessa Curatela Fallimentare ha fatto marcia indietro, sta chiamandosi fuori e scivolando via. Venerdì 24 giugno alla CPL di Ascoli Piceno c’è il passaggio formale in mobilità dei lavoratori Novico, a seguito dei licenziamenti inviati dalla Curatela Fallimentare. Prima di dopo domani il Curatore Fallimentare è chiamato a revocare la messa in mobilità dei lavoratori ed a prorogare la CIGS; lo chiede il territorio che vuole spendersi fino in fondo per invertire la tendenza al declino industriale e lo chiedono i lavoratori perché vogliono vedere ripartire la loro “fabbrica”.
La UGL denuncia che in questi giorni il Curatore Fallimentare della Novico Dott. Cesare Volpi è risultato praticamente irreperibile; cercato continuamente non risponde al telefono o fa rispondere che risulta impegnato; una cattiva e condannabile fuga.
Intano cresce il malumore e la rabbia dei lavoratori; ci hanno creduto e ci credono fino in fondo alla speranza di far ripartire un’azienda ed un marchio storico della Città; sanno però che se la CIGS non viene prorogata e loro rimangono definitivamente fuori dai cancelli, il futuro della Novico sarà la rottamazione; già pensano ai corvi che si avventeranno su una Novico rottamata.
La UGL considera inaccettabile il tradimento della Curatela Fallimentare al progetto di recupero produttivo della Novico ed alla passione sociale dei lavoratori.
Sarebbe un atto imperdonabile”.

(Letto 242 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 242 volte, 1 oggi)