ASCOLI PICENO – Ultimo aggiornamento ore 20 lunedì 11: Vittorio Micolucci è sotto interrogatorio presso la Procura federale a Roma. E’ entrato alle ore 18 circa.

Non c’è pace. Per i tifosi bianconeri si preannunciava un’estate calda e in effetti la stagione  non sta tradendo i pronostici  che la vedevano come una delle più tormentate della storia per l’ultracentenario club di Corso Vittorio Emanuele.

Appena digerita l’ennesima penalizzazione che la squadra di Castori dovrà scontare in classifica per i problemi finanziari (alleviata dalla notizia che il pericolo più grande, quello della mancata iscrizione e quindi dell’esclusione dal prossimo campionato di B, pare essere stato scongiurato) arriva però la vicenda del calcioscommesse a tenere in ansia il popolo bianconero.

Sembrerebbe infatti che tra le varie squadre che hanno giocatori coinvolti nello scandalo del calcioscommesse, le posizioni di Ascoli, Ravenna e forse Cremonese fossero le più delicate. E’ la sensazione emersa, secondo l’Ansa, al termine di questa ultima settimana di lunghi interrogatori.

Interrogatori che proseguiranno anche nei prossimi giorni con diverse audizioni, prima su tutte quella del difensore bianconero Micolucci che con ogni probabilità sarà ascoltato oggi, lunedì 11, a Roma.

L’Ascoli  potrebbe rischiare sanzioni per responsabilità oggettiva. La società di Corso Vittorio Emanuele è infatti una delle poche società che vede coinvolti nello scandalo ben tre suoi tesserati: Micolucci e Sommesse, arrestati ai domiciliari, e Pederzoli, indagato.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 704 volte, 1 oggi)