MONSAMPOLO DEL TRONTO – Una Tac sulle mummie di Monsampolo per tentare di scoprire le cause della loro morte e il mistero della lunga conservazione. Lunedì 4 luglio cinque dei venti corpi rinvenuti nella cripta della Chiesa Ss. Assunta sono partiti per Bolzano per essere sottoposti ad un esame da parte dei dottori Eduard Egarter Vigl e Paul Gostner, massimi esperti mondiali di esame di mummie antiche mediante Tac. Si tratta di un evento straordinario per la Regione Marche: i due insigni studiosi sono infatti gli stessi che hanno esaminato l’“Uomo del Similaun” e il corpo di Tutankhamon, il faraone-fanciullo la cui morte appare avvolta nel mistero.

A differenza delle mummie egizie, ottenute attraverso un procedimento di imbalsamazione, quelle di Monsampolo sono mummie per così dire “naturali”, come ha messo in evidenza il professor Franco Ugo Rollo, ordinario di antropologia presso l’Università di Camerino. La collaborazione tra Monsampolo e Bolzano è stata resa possibile grazie all’intervento dello stesso Rollo, che studia da venti anni l’Uomo del Similaun ed è ben conosciuto negli ambienti scientifici internazionali. Il professore è stato infatti il primo ad accorgersi dell’eccezionale importanza storica e antropologica delle mummie picene, promuovendo un progetto di ricerca su di esse.

Il 5 luglio le mummie hanno già fatto ritorno in sede. I risultati degli esami verranno resi noti in un apposito convegno nel prossimo autunno. Intanto è iniziata a Monsampolo la mostra “Sulle tracce del tessile”, dedicata all’abbigliamento indossato dai defunti e incentrata, in questa prima fase, sulla ricostruzione delle vesti appartenute a un’adolescente. Una camicia, un corpetto e una gonna a pieghe, fatti di tessuti lavorati artigianalmente, come canapa, lino e ginestra, che lasciano ipotizzare l’estrazione popolana della giovane. Lo studio e il restauro sono a cura della storica del costume Thessy Schoenholzer e del laboratorio “La Congrega”. La mostra si può visitare su prenotazione, telefonando al Comune di Monsampolo: 0735.704116.

(Letto 642 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 642 volte, 1 oggi)