ASCOLI PICENO – Meritocrazia, legalità, rispetto di sé e degli altri: sono questi i valori cardine che il progetto “Gioventù ascolana”, voluto dall’assessore allo sport Massimiliano Brugni e dal sindaco di Ascoli, Guido Castelli, intende promuovere nel mondo giovanile.

“Ringrazio l’assessore Brugni per questo progetto molto intelligente”, ha affermato il sindaco Castelli nel corso della presentazione del progetto. “La vita è fatta di una materia che è il tempo. Dal modo in cui utilizziamo il tempo dipende la nostra possibilità di essere felici. L’intento di questa iniziativa è proporre ai giovani l’esempio di loro coetanei che hanno scelto di impiegare il proprio tempo per definire un programma di vita, realizzare un sogno, perseguire un obiettivo.”

“Il progetto ha anche lo scopo di aiutare i giovani a viaggiare, per scoprire cosa c’è al di là del nostro microcosmo ascolano e imparare a capire gli altri. Dunque non si tratta solo di mettere in evidenza i talenti in erba locali, ma anche di creare gli ascolani del futuro, sviluppando una nuova mentalità.”

L’idea è proporre esempi virtuosi di giovani che, dopo essersi dati un obiettivo, si sono impegnati per raggiungerlo, nello sport o nello studio, nel lavoro o nel volontariato. Gli strumenti utilizzati sono quelli più vicini ai ragazzi di oggi: internet, con il portale www.gioventuascolana.it, il profilo Facebook (https://www.facebook.com/profile.php?id=100002589372320), il sito di video Vimeo (http://vimeo.com/channels/gioventuascolana) e poi una mailing list per ricevere aggiornamenti.

Chiunque abbia un’età compresa fra i 15 e i 35 anni e una storia positiva da raccontare può diventare protagonista di questa iniziativa, inviando un messaggio all’indirizzo info@gioventuascolana.it.

Il primo Giovane del mese è Eduardo Bertocchi, discobolo ventenne al momento impegnato nei campionati europei in corso nella Repubblica Ceca. Ha già ottenuto risultati importanti a livello nazionale e internazionale ed è stato inserito come atleta di interesse nazionale nel progetto Azzurro Londra 2012, volto a valorizzare 14 giovani atleti in vista delle prossime Olimpiadi.

“Ma non parliamo soltanto di sport”, ha precisato l’assessore Brugni. “Vedo tantissimi giovani impegnati su altri fronti, in particolare quello del sociale, ed è importante mettere in evidenza le loro storie positive, anche per contrastare l’immagine stereotipata dei giovani intenti solo a divertirsi e a pensare a sé stessi. In realtà ci sono moltissimi ragazzi che scelgono di seguire percorsi diversi e fare di più, per sé e per gli altri”.

Il progetto Gioventù ascolana conta sulla collaborazione di partner importanti, tra cui il Ministero della gioventù, la Pastorale giovanile e “Ascoli da vivere”, l’associazione presieduta da Peppe Cinti che sta facendo molto per la città anche attraverso iniziative concrete, come la creazione del comitato antidegrado.

Alla conferenza stampa hanno partecipato, fra gli altri, l’allenatore di Edoardo Albertazzi, l’olimpionico Armando de Vincentis, e l’assessore Cameli, che ha presentato i nove ragazzi ascolani in partenza per Treviri per partecipare allo Sportjugendcamp, il campeggio giovanile dello sport dedicato ai giovani europei che praticano una disciplina sportiva.

(Letto 357 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 357 volte, 1 oggi)