ASCOLI PICENO – Ancora nessuna traccia del bimbo di due mesi che risulta scomparso  a Folignano. I Carabinieri di Ascoli stanno indagando ormai da quattro giorni, dopo la segnalazione del Tribunale dei Minori di Ancona e dei Servizi Sociali. Di sicuro dunque non ci sono più tracce da quel momento, ma è possibile che il piccolo sia scomparso molto prima. Alcuni vicini affermerebbero infatti che da diverse settimane non sentono più i vagiti del neonato.Sarebbero stati loro a lanciare per primi l’allarme.

Agli investigatori, incaricati dal sostituto procuratore della repubblica del Tribunale di Ascoli Pirozzoli, che si sono recati sul posto, i genitori avrebbero risposto che il bambino lo tengono nascosto e che continueranno a farlo per paura che gli venga sottratto dai Servizi Sociali, come già avvenuto in precedenza con gli altri due figli.

I due bambini vennero infatti affidati ad altre famiglie perchè la coppia non è stata ritenuta in grado di poter garantire il loro mantenimento e la loro crescita. Entrambi presentano handicap fisici, uno all’apparato vocale e uditivo l’altro agli arti inferiori, dovuti ad alcune cadute ritenute accidentali.  Gli accertamenti portati avanti per eventuali maltrattamenti subiti dai due bimbi non hanno permesso di riscontrare responsabilità dirette da parte dei genitori.

Un bimbo di due mesi avrebbe bisogno della costante presenza materna e di continui allattamenti. Difficile dunque che si potesse separare dalla madre per troppo tempo. I carabinieri hanno effettuato perquisizioni nell’appartamento senza tuttavia trovare niente. Si sono recati anche nelle abitazioni dei nonni, a Nereto e Giulianova.

Non si escludono provvedimenti a carico dei due coniugi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 800 volte, 1 oggi)