ASCOLI PICENO – Come era prevedibile Salvatore Parolisi non ha risposto alle domande poste questa mattina dal Gip Calvaresi nel corso dell’interrogatorio al quale ha partecipato anche il Pm Monti.

Al carcere di Marino del Tronto, dove il caporal maggiore dell’esercito è stato portato ieri dopo la convalida di arresto che ha accolto le richieste della Procura che accusano Parolisi di omicidio volontario aggravato da violenza e vincoli di parentela nei confronti della moglie Melania Rea, gli avvocati difensori Gentile e Biscotti hanno scelto per il loro assistito di avvalersi della facoltà di non rispondere, così come già fatto nel primo interrogatorio da indagato di Salvatore lo scorso 24 giugno.

L’interrogatorio è iniziato poco prima delle nove, per terminare dopo meno di due ore, giusto il tempo per sbrigare le formalità.

Intanto emergono altri particolari sulle dinamiche dell’uccisione della donna. Secondo affaritaliani.it Melania e Salvatore avevano litigato il 17. Il giorno dopo probabilmente volevano andare a Ripe di Civitella per appartarsi e fare pace “per non farsi sentire dai vicini”. Lì la situazione è degenerata. E qui le ipotesi ruotano attorno a due elementi: l’anello di Melania trovato per terra e il fatto che la donna avesse i collant, i pantaloni e gli slip abbassati. Gli inquirenti inoltre non credono che l’anello si sia sfilato nella colluttazione: “Non era largo, anzi, lo usava per tenere ferma la fede”. Credono piuttosto che sia stata Melania stessa, in un momento di ira, a gettarlo per terra. Quanto al fatto della seminudità, all’ipotesi che la donna fosse accovacciata per fare pipì viene affiancata anche quella di «un approccio sessuale con il marito”:  forse un disperato tentativo di riappacificazione o, al contrario, un gesto di sfida di fronte a quel coniuge che voleva lasciare lei e la bimba.

Ci ha messo tanto Melania a morire: un quarto d’ora, forse anche più, un dissanguamento lento per emorragia interna. Un’agonia talmente lunga che “non si può escludere che fosse ancora viva»”quando l’assassino si è allontanato.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 489 volte, 1 oggi)