ASCOLI PICENO – “Amare e vivere la danza è amare e vivere la vita”, diceva di Caterina Ricci, artista di rilievo morta tragicamente nel 2004, fondatrice dell’omonima scuola di danza, le cui allieve si sono esibite ieri mercoledì 20 luglio alle 21.30 in Piazza del Popolo, in uno spettacolo di danza classica e contemporanea.

Dallo Schiaccianoci di Tchaikovsky a Il ritmo del successo di Jamiroquai, in cui le punte dello stile classico si fondono con quello moderno della musica e dei costumi, a Coppelia, la bambola con l’anima costruita dal misterioso Coppelius che mette in crisi l’amore tra Franz e Swanilda, da cui sono state tratte la Mazurka del primo atto e Swanilda e le sue amiche, eseguita anche dall’insegnante e ballerina Sabrina Nardinocchi.

Splendide le coreografie di Roland Petit, il genio della danza scomparso dieci giorni fa, autore di più di 50 creazioni di livello internazionale che spaziano in tutti i generi, noto per Le jeune homme et la mort (libretto di Jean Cocteau), straordinariamente moderno nello stile e nei costumi, e per l’utilizzo fuori dagli schemi dell’ en-dedans nel balletto Carmen.

Chiude la rappresentazione Lord of the dance, spettacolo di danza e musica celtica in cui il fascino della tradizione irlandese si mostra nella sua danza tipica, nelle sue leggende antiche e nella musica folk.

Ospiti musicali della serata, ad ingresso libero, Mecco Villani Top Quartet, che hanno suonato e cantato diversi brani fra i quali Ed ora che.. e la canzone d’amore Per mano.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 546 volte, 1 oggi)