ASCOLI PICENO – Dopo mesi di trattativa i sindacati hanno raggiunto l’accordo con la Ciip (servizio idrico) per l’adeguamento retributivo dei 121 operai dell’azienda.

Afferma in una nota l’Unione Sindacale di Base: “Tutto in base al contratto nazionale di settore. L’obiettivo iniziale dell’USB, entrato al Ciip nella nuova RSU del 2011 – spiega Andrea Quaglietti, leader del sindacato – è stato ottenuto, anche grazie al confronto e alla disponibilità del nuovo presidente Pino Alati, che ha compreso le ragioni dei suoi dipendenti. Dopo 20 anni di blocco della situazione, con promesse fatte e mai mantenute, finalmente si è chiuso un accordo che non solo permette un cambio di passo all’azienda di gestione e distribuzione dell’acqua, ma soprattutto mira a valorizzare le professionalità presenti, come mai era avvenuto prima. Anche perché vengono riconosciuti a molti addetti i ruoli e le mansioni che effettivamente svolgono, a favore della collettività“.
Per Quaglietti, che sottolinea il lavoro positivo svolto dal suo delegato nella RSU aziendale, Luigi Capanna, tutto questo “è il risultato anche del coinvolgimento dei lavoratori della CIIP nelle scelte fatte, con assemblee, incontri e discussioni che hanno portato all’intesa con la società, a beneficio di tutti. Questo accordo – conclude il leader dell’USB – apre una fase nuova ed è solo il primo passo verso un cambiamento futuro, che dovrà portare l’azienda nei prossimi anni, in base al budget disponibile, ad adeguare tutto il suo apparato alle esigenze attuali”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 323 volte, 1 oggi)