NORCIA – A scurire il volto di mister Castori alla fine di Ascoli-Andria non è tanto il risultato negativo, né il fatto che i giocatori più importanti siano ancora in ritardo di condizione. E’ bastato fargli presente che la vicenda calcioscommesse ritarderà di molto la costruzione della squadra. Già gli affari di Andelkovic e Marino, sono da tempo in stand by. Ora che la giustizia sportiva decide in maniera pressoché definitiva (dopo il secondo grado si potrà ricorrere al Tnas del Coni a settembre inoltrato, ndr) si arriva a fine agosto, e questo, a mister Castori, proprio non va giù: “Non è bello per un allenatore dover fare la squadra all’ultimo. Ci sono difficoltà non facili da colmare, dato che un gruppo si costruisce in questi giorni”.

Soprattutto se il gruppo, ad oggi, è un puzzle ancora privo di tanti tasselli. “Siamo ovviamente incompleti. Per completare la rosa servono due difensori centrali, un terzino sinistro e due esterni offensivi – dice senza mezzi termini il mister-. Bly? E’ giovane, ha buon fisico, ma deve ancora capire bene come ci si muove nel calcio italiano”. Riguardo l’amichevole spiega: “E’ il picco massimo di intensità riguardo i carichi di lavoro, eravamo legnosi, con le gambe ‘legate’ . Abbiamo sfruttato la gara anche per testare i giovani e farci un’idea di loro”. Infine su Beretta dice: ” Può fare sia la prima punta che l’attaccante esterno. Deve, però, migliorare ancora tanto, visto che è abituato a giocare con i ragazzi della sua età

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 202 volte, 1 oggi)