ASCOLI PICENO – E’ stata approvata la graduatoria definitiva degli aspiranti assegnatari di alloggi di edilizia residenziale pubblica sovvenzionata (alloggi popolari), già in pubblicazione all’Albo e nel sito internet del Comune.

La Commissione Alloggi competente alla formulazione delle graduatorie, si è riunita nei mesi di giugno e luglio e per riesaminare 37 domande in seguito alle osservazioni ed opposizioni pervenute dopo l’approvazione della graduatoria provvisoria.

“Il problema della casa – ha commentato il sindaco Guido Castelli – è un problema molto sentito e per questo l’Amministrazione Comunale ha messo in atto la realizzazione di una serie di alloggi di edilizia popolare, che nel prossimo triennio raggiungeranno le 100 unità. Il Piano Casa Comunale prevede la realizzazione di edilizia convenzionata a costo contenuto di circa 300 alloggi mentre il Piano Casa Nazionale prevede la trasformazione in Social Housing dell’immobile ex Maternità e di Palazzo Sgariglia in collaborazione con la Fondazione Carisap”.

Il sindaco Castelli ha, inoltre, sottolineato la necessità di rivedere anche la normativa regionale che privilegia gli extracomunitari.“Ritengo – ha detto il primo cittadino – che in questo momento di grande difficoltà per l’economia nazionale sia necessario rivedere certi parametri e agevolare i cittadini italiani al diritto di avere un’abitazione venendo incontro, in particolare, alle giovani coppie ascolane, che intendono risiedere in città”.

Ora si provvederà ad assegnare gli alloggi popolari attualmente disponibili previo ulteriore verifica da parte dell’Ufficio Problemi Abitativi, del permanere delle condizioni soggettive ed oggettive, che hanno determinato l’utile collocazione in graduatoria dei concorrenti.

“La normativa recepita mostra particolare attenzione alle famiglie svantaggiate – ha dichiarato l’assessore all’edilizia residenziale pubblica, Luigi Lattanzi – riconoscendo punteggi per ogni situazione di disagio sociale ed abitativo. Inoltre, questo Comune ha limitato la partecipazione al concorso di soggetti extracomunitari. Il compito svolto dall’Ufficio Casa è stato particolarmente gravoso. Sono pervenute ben 391 domande, che sono state esaminate con la massima attenzione anche nella valutazione dei singoli casi familiari. La Commissione Alloggi competente alla formulazione delle graduatorie si è riunita assiduamente per esaminare ogni singola domanda”.

La graduatoria definitiva avrà validità due anni e si auspica, nel frattempo, di poter assegnare quanti più alloggi possibili.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.468 volte, 1 oggi)