ASCOLI PICENO – Dopo l’immobilismo delle ultime settimane, l’Ascoli 2011/2012 sta prendendo sempre più corpo, soprattutto grazie a quello che può già essere definito come il colpo dell’estate bianconera: Papa Waigo N’Diayé è un giocatore dell’Ascoli. Il forte esterno offensivo, di proprietà della Fiorentina e sogno proibito mai celato di mister Castori, arriverà nelle prossime ore nelle Marche, a titolo definitivo, con un contratto di un anno con opzione per altri due. Senegalese, di 27 anni, Papa Waigo era stato già il primo obiettivo della dirigenza nello scorso mercato di gennaio, ma poi, causa forse l’ingaggio elevato, il giocatore finì al Grosseto (10 presenze, 2 gol, tra cui una proprio al Del Duca) e ad Ascoli arrivò Feczesin. Molto stimato da Castori che lo ha avuto per tre anni al Cesena, il nazionale senegalese non ha mai mancato di ricambiare la stima, affermando più volte che per lui il tecnico di San Severino è come un secondo padre.

Con l’arrivo di Papa Waigo, e quello sempre più vicino di Andrea Soncin (33) sempre dal Grosseto, nello scambio con Giallombardo, Castori può ora sfogliare con più serenità i petali che mancano per completare la margherita del calciomercato.  Cinque i desideri espressi dal tecnico: due centrali di difesa, un terzino sinistro e due esterni d’attacco. Detto di questi ultimi, ai quali, però, potrebbe aggiungersi anche Francesco Caputo (24) del Bari, è la difesa il reparto ancora da completare. Dopo l’arrivo di Sinisa Andelkovic (24) dal Palermo e la conferma quasi certa di Maurizio Peccarisi (33), da tempo al lavoro con la squadra, mancherebbe da colmare così, solo il ruolo di esterno sinistro. A tal proposito, nelle ultime ore la dirigenza starebbe con decisione percorrendo la pista che porta ad un ritorno di Marco Calderoni (22) dal Piacenza, visto che la squadra emiliana ha ormai la certezza di ripartire in Prima Divisione.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 757 volte, 1 oggi)