ASCOLI PICENO – Piero Celani si scaglia contro il Governo, in merito alla questione legata al taglio delle Province. Nel mirino del politico ascolano, eletto nel centrodestra, due destinatari precisi: Tremonti e Calderoli: “Oggi propongono la chiusura delle province di Ascoli e Fermo perchè non raggiungono i 300 mila abitanti, ma sono loro, nelle rispettive competenze, ad aver consentito questa divisione appena due anni fa. Cosa è cambiato improvvisamente?”.

Lo sfogo, inviato in una lettera a Berlusconi, Bossi, Letta, Alfano e agli stessi due ministri, prosegue: “Perche’  il territorio non fu ascoltato quando a gran voce sosteneva che non c’era alcuna necessità di creare un altro ente in una regione che ha appena 1,5 milioni di abitanti?”.

”Conti alla mano – conclude Celani – sono pronto a dimostrare ai ministri Calderoli e Tremonti che il risparmio annuale dovuto alla soppressione di 29 Province è di gran lunga inferiore ai costi, di 40 milioni di euro, sostenuti per costituire la sola Provincia di Fermo”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.194 volte, 1 oggi)