ASCOLI PICENO – Una delle testate giornalistiche più famose nel globo terracqueo, il francese Le Monde, rende un ottimo servizio all’immagine turistica di Ascoli Piceno, con un reportage davvero benevolo sul patrimonio artistico, culturale ed enogastronomico della “città delle cento torri”. (clicca qui).

L’autorevole giornale ritiene inoltre che la città di Ascoli Piceno meriti ampiamente di essere inserita nella lista dell’Unesco sui luoghi patrimonio dell’umanità.
A questo proposito, il segretario provinciale dei Giovani Democratici, Francesco Ameli, interviene affermando: “Purtroppo il giornalista non conosce la storia di una telenovela lunga 10 anni, che non ha trovato epilogo positivo durante il governo della destra di Celani prima e Castelli ora. Sono anni che leggiamo di proclami di domande e di impegni, eppure a distanza di cosi tanto tempo non è stata presentata alcuna domanda. Ma tutti sappiamo che per poter partecipare si devono presentare domande, cosa non fatta dalla nostra città. E presumo che non sia un enorme problema economico trovare risorse finanziarie per fare una proposta seria dato che gli ascolani capirebbero di certo uno sforzo in più per presentare una domanda per l’Unesco piuttosto che pagare di più per gli aumenti imposti dal governo con una manovra dove a pagare saranno ancora i cittadini onesti”.
D’altra parte, la motivazione che il sindaco Castelli ha fornito nei mesi scorsi circa la non eccessiva fiducia nutrita dall’Arengo verso la nomina Unesco sta nel fatto che l’ente in questo momento privilegerebbe le nomine per luoghi extra europei, il che suggerirebbe di aspettare tempi migliori e non intraprendere una pratica peraltro costosa (sembra che ci vogliano centomila euro).
Ameli interviene poi anche sulla questione del decoro urbano e dei writers senza senso che insozzano pareti che meriterebbero altra sorte. “La famosa idropulitrice che avrebbe dovuto far tornare all’antico splendore pressoché tutte le mura cittadine che fine ha fatto? Girando per il centro, a distanza di mesi e mesi non ho trovato alcun muro pulito, e la lista dei luoghi degradati è davvero lunga. Quello del writing è un fenomeno problematico che non può essere semplicemente represso, ma deve essere valorizzato soprattutto quando in ballo c’è una città con una forte vocazione artistica, ma da parte dell’amministrazione c’è silenzio in tutto il campo delle politiche giovanili”.
E allora il giovane esponente del Partito Democratico propone: “Visto che il Comune è impegnato nel disegnare altri angoli e curve di una pista ciclabile malriuscita, lancio una proposta che vuole essere seria e che spero possa trovare sponda negli altri partiti e nei giovani amministratori di maggioranza: visto che quello dell’imbrattamento dei muri è un problema, perché non coinvolgere i writers locali in un progetto di recupero delle grigie rotatorie all’ingresso di Monticelli con un concorso di idee? Perché non dipingere e recuperare i sottopassi di Monticelli? Non è un progetto utopico, d’altronde basterebbe girare l’Italia e l’Europa per vedere come molte città hanno trasformato quelle che erano situazioni di degrado in luoghi e risorse di arte attraverso la quale valorizzare le nuove forme espressive”.
Mica male come proposta, ci sentiamo di dire.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 908 volte, 1 oggi)