ASCOLI PICENO – Cinque buttafuori, due stranieri e tre italiani, denunciati in seguito ad una rissa all’esterno di un locale notturno, in seguito alla quale circa una decina di giovani hanno dovuto fare ricorso al pronto soccorso con prognosi dai 5 ai 50 giorni.

L’episodio risale a circa due mesi fa, la serata della notte bianca di San Benedetto. Il luogo è lo chalet la Medusa, meta di migliai di giovani nelle serate estive.

Le indagini condotte dai Carabinieri locali hanno dimostrato che un gruppetto di circa dieci ascolani, sulla trentina, stava facendo il bagno di notte, lasciando i propri indumenti sull’arenile. Notato ciò, due buttafuori, un rumeno e un albanese, hanno intimato ai ragazzi di sgomberare. Alle rimostranze dei ragazzi che chiedevano di aspettare che gli altri uscissero dall’acqua, i due buttafuori reagirono, prima gettando vestiti ed altri effetti personali sulla sabbia, poi con violenza causando contusioni ad alcuni ragazzi e ad una ragazza che cercava di calmare la situazione.

In seguito i ragazzi hanno provato ad entrare all’interno del locale per protestare con i titolari ma hanno trovato all’ingresso altri tre buttafuori che li hanno spinti fuori probabilmente con modi non propriamente ortodossi.

Per i responsabili dell’aggressione, che sono stati identificati e denunciati all’Autorità giudiziaria per lesioni gravi, scatterà anche la segnalazione alla Prefettura per la cancellazione dall’Albo del personale addetto ai servizi di controllo delle attivita’ di intrattenimento e di spettacolo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 378 volte, 1 oggi)