ASCOLI PICENO – Formalmente si occupava di riparazione di orologi e gioelli ma in realtà era dedito al commercio all’ingrosso degli stessi. L’operazione delle fiamme gialle ha permesso di scoprire una maxi-evasione per 10,7 milioni di euro da parte di un imprenditore operante nella provincia di Ascoli.

Un’articolata verifica fiscale e approfondite indagini finanziarie hanno permesso di esaminare la gestione e la posizione economica dell’imprenditore degli ultimi 6 anni, rilevando ingenti ricavi “in nero” occultati al Fisco.

La posizione dell’imprenditore è stata segnalata all’Agenzia delle Entrate per i recuperi fiscali di una massa sottratta all’Erario ai fini delle imposte sui redditi, dell’Iva e dell’Irap, per la quale il medesimo è stato anche deferito alla locale Procura della Repubblica in ordine al reato di “Omessa dichiarazione” del Decreto Legislativo n. 74/2000.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.587 volte, 1 oggi)