ASCOLI PICENO – “Accogliere i turisti nel Piceno non soltanto come ospiti, ma come invitati” è questa la filosofia che accompagna il nuovo corso di formazione promosso dalla Provincia e riservato al personale di enti e associazioni (pubbliche e private) adibito alla ricezione turistica e alla promozione del territorio. Tra gli obiettivi dell’iniziativa quello di animare i centri Iat provinciali (nelle sedi di Ascoli, San Benedetto, Porto d’Ascoli e Grottammare) e presentarli non più come semplici luoghi in cui vengono distribuiti depliant e materiale informativo, bensì come spazi vivi in cui progettare eventi promozionali delle eccellenze del territorio.

I contenuti e le linee guida del progetto sono stati illustrati, nel corso di un incontro tenutosi all’hotel Marche, dal presidente della provincia Piero Celani, dall’assessore al Lavoro Aleandro Petrucci, dal professor Gianluca Gregori (preside della facoltà di economia di Ancona), della professoressa Maria Pia Spurio (curatrice dell’iniziativa) e dei dirigenti provinciali dottor Domenico Vagnoni (servizio marketing) e dottor Roberto Giovannozzi (servizio turismo). Nutrita la rappresentanza in sala di rappresentanti delle pro loco picene, responsabili delle associazioni di categoria e amministratori locali, tra cui, i sindaci Augusto Curti (Force), Onorato Corbelli (Montemonaco) e Domenico Annibali (Comunanza).

Si tratta di un’idea progettuale innovativa e ad ampio raggio (dalla cultura all’arte, dall’enogastronomia all’accoglienza, dal paesaggio alla ricerca) pensata non solo per rafforzare l’attrazione e la competitività locale, ma anche per intercettare e fidelizzare sempre nuovi flussi turistici. Il corso (completamente gratuito), in partenza da novembre, verterà su 7 moduli (lingue, accoglienza, marketing territoriale, geografia, valorizzazione eccellenze del territorio, tecnica turistica, lezioni sul territorio con 6 visite guidate) e si rivolgerà a un numero massimo di 25 iscritti.

“Ascoli, insieme a Pesaro/Urbino, è l’unica provincia delle Marche che sta puntando con convinzione al miglioramento e alla riqualificazione dei punti Iat” ha dichiarato la dottoressa Spurio che ha confermato la conclusione del corso alla vigilia dell’avvio della fiera Bit che si terrà a Milano nel mese di febbraio. “La misurazione di costi e presenze rappresenta uno strumento di indagine fondamentale per migliorare i servizi e le offerte” ha ribadito il professor Gregori nel corso della sua disamina.

“Il turismo è un grande volano per la promozione e la ripartenza del nostro territorio visto nella sua interezza – ha dichiarato Celani – In tale prospettiva, il primo passo da compiere per attuare tale strategia sarà quello di procedere alla formazione di adeguato personale, in collaborazione con enti pubblici e privati. Qualità e accoglienza – ha concluso il presidente – rappresentano di fatto gli ingredienti vincenti per una progettazione che vede la Provincia in prima linea con sempre nuove idee e interventi formativi”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 448 volte, 1 oggi)