COSSIGNANO – Continua l’ascesa nel panorama vinicolo nazionale e internazionale dell’azienda vinicola biologica Fiorano di Cossignano, una giovane realtà del Piceno che già da tempo si è imposta all’attenzione del pubblico e degli addetti ai lavori per la qualità della sua produzione completamente biologica.

Dopo il successo riscontrato lo scorso luglio a Roma nel concorso nazionale Biodivino 2011 che ha visto premiato il vino doc Offida Pecorino “Donna Orgilla 2010”, lo stesso vino ha recentemente ottenuto la medaglia d’oro al concorso Biolwine svoltosi all’interno della nota fiera Sana di Bologna.

Ora l’azienda si appresta a ricevere i prossimi 23-24 ottobre a Milano altri ambitissimi riconoscimenti da parte della guida Slowine 2012 nell’ambito della presentazione nazionale delle guide Slowine e Osterie d’Italia . Fiorano riceverà il riconoscimento della “bottiglia” quale premio per l’ottima qualità media su tutte le bottiglie prodotte, del premio “Vino quotidiano” per il “Fiorano” Sangiovese 2010 (ottimo rapporto qualità/prezzo), e del prestigioso premio “Vino Slow” al Pecorino “Donna Orgilla 2010” (i vini “del cuore” per Slowfood), etichette dalla grande beva, territorialità e complessità, che si differenziano dai normali schemi di riferimento.

Per concludere, anche in ambito internazionale Fiorano vedrà riconosciuti i suoi sforzi produttivi, ricevendo il prossimo 2 novembre la medaglia d’oro per il “Terre di Giobbe” Rosso Piceno Superiore 2008 e la medaglia d’argento per la riserva Montepulciano “Ser Balduzio 2006” al AWC International Wine Challenge di Vienna.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 86 volte, 1 oggi)