ASCOLI PICENO – Un’ora un quarto di rifinitura per i bianconeri al ‘Città di Ascoli’ prima del ritiro in occasione della gara di sabato contro il Cittadella. Mister Silva ha provato diverse soluzioni nelle esercitazioni tattiche offensive e difensive svolte a metà campo. In difesa, provato il quartetto con Ciofani, Andelkovic, Faisca e Pasqualini, quindi, successivamente, con Giovannini al posto del giovane terzino e Peccarisi nel ruolo dello sloveno. In avanti, il trio formato da Falconieri a destra, Papa Waigo a sinistra e Romeo in mezzo, è stato modificato con l’inserimento di Beretta al centro dell’attacco. Molti dubbi anche in mediana, dove non si escludono sorprese.
Lo stesso Silva, prima della seduta, ha dichiarato di avere già alcune idee in mente e qualche cambio rispetto al recente passato, ma per la formazione completa aspetterà la riunione tecnica di stasera. “Rispetto a Bergamo ci saranno delle novità – afferma il neo tecnico bianconero -, sia per necessità (Soncin e Gazzola sono squalificati, ndr), sia per scelte dovute alle mie sensazioni. In ogni caso voglio una squadra che sia aggressiva e pressi alta l’avversario. Il Cittadella? Si chiuderanno, perciò dovremo sfruttare i loro punti deboli”. Poi, però, qualche indizio di formazione se lo lascia scappare: “Non sarà una rivoluzione, perchè dovremo dare alla squadra una solidità su cui partire. Ma posso dire di voler puntare su giocatori che garantiscano rapidità di gioco. Pasqualini e Boniperti? Ce n’è anche un altro rapido…” . Il pensiero, ovviamente, va a Falconieri,  provato negli schemi, anche su palla inattiva.
Su Papa Waigo, in ombra nelle ultime partite e brutta copia di quello visto ad inizio stagione, dice: “Che giochi o meno, è comunque importantissimo per noi. Io cercherò di recuperarlo dove posso, ma lui ha esperienza a sufficienza per riprendersi da sè. Alcuni dei ragazzi hanno questo blocco in testa che poi trasmettono alle gambe. Dobbiamo liberarli, perciò mi affiderò per domani a chi starà al 100 % dal punto di vista psicofisico”. Infine, alla seduta c’era anche il ds Adriano Polenta, seguto, dopo un pò, dalla visita del presidente Benigni, con il quale ha avuto un colloquio. Addio o chiarimento? A breve se ne saprà di più.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 119 volte, 1 oggi)