ASCOLI PICENO – “L’uso dell’auto in centro non va vietato ma scoraggiato”: è stato questo il messaggio (parafrasato da un concetto già coniato dall’architetto Paolo Prezzavento) che la Confcommercio Picena ha voluto lanciare con la presentazione del progetto “BLUeMobility”, ideato dalla società Mobilitami e che appunto la stessa Confcommercio Picena ha fatto proprio per dare un concreto contributo alla razionalizzazione del traffico, della sosta e della viabilità nei centri urbani, scegliendo non a caso la città di Ascoli, che con tali problematiche convive praticamente da sempre.

L’incontro ha visto l’attenta partecipazione di numerosi dirigenti provinciali della Confcommercio, del vice Prefetto Tomassini, del vice sindaco di Offida Piero Antimiani mentre erano assenti i Comuni di Ascoli e San Benedetto.

A prendere la parola è stato  il direttore della Confcommercio,Giorgio Fiori, che  ha evidenziato come mettendo a regime alcune azioni innovative e i diversi attori del trasporto pubblico, si possa arrivare ad una viabilità più sostenibile, che garantisca un sostanziale contributo alla riduzione dello smog da traffico ed immediate ricadute positive anche sul turismo.

Grande rammarico per l’assenza del Comune di Ascoli, per il quale il progetto è stato in primis pensato, è stato espresso dal Presidente Provinciale Igino Cacciatori che ha inoltre ribadito di credere molto in questa innovativa progettualità, che prevede tra l’altro l’utilizzo del servizio pubblico “a chiamata”e che pertanto si farà carico di interessarne nuovamente l’Amministrazione ascolana per dare un contributo concreto anche dei commercianti, alla tanto sbandierata pedonalizzazione, da attuarsi solo dopo azioni razionali com’è sicuramente questa del BLUeMobilitami.

È intervenuto poi il presidente della delegazione di Ascoli, Ugo Spalvieri sottolineando l’impegno della Confcommercio a sostegno del progetto Prezzavento, per una nuova vivibilità della città di cui il progetto BLUeMobilitami, ne può diventare la completezza.

Infine Giorgio Fanesi, presidente della Pluservice srl, con l’ausilio del direttore dell’AMI, ha evidenziato come il progetto miri ad organizzare un nuovo stile di mobilità locale, attraverso la sensibilizzazione dell’utenza, educando residenti, pendolari e turisti, all’uso consapevole del mezzo di trasporto, favorendo la riduzione dell’impiego delle vetture di proprietà, senza rinunciare alla comodità di spostamento.

Per facilitare il tutto è stato attivato un ampio portale www.mobilitami.it in cui vengono messi in rete Enti Locali, operatori del trasporto, operatori turistici,  strutture ricettive, poli di attrazione turistica, residenti, pendolari e turisti ed in cui vi è un ampio scambio di informazioni, alimentate dagli stessi attori, di carattere territoriale e di interesse pubblico quali eventi, manifestazioni, servizi di trasporto pubblico, con il fine ultimo di promuovere il territorio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 250 volte, 1 oggi)