ASCOLI PICENO – Venerdì 18 novembre alle ore 19 alla libreria Rinascita ci sarà Fabrizio Antonioli, geologo e paleoclimatologo, che tratterà l’affascinante argomento: “Dai coralli fossili a quelli vivi… il mare del futuro”.

Dopo il successo di pubblico ottenuto dal professor Paolo Lipari nel primo appuntamento sull’attuale tema dei neutrini, è ora la volta di Antoniol.

Il geologo opera nel laboratorio Utmea-ter dell’Enea che si occupa di analisi e osservazioni sul Sistema Terra. E’ anche istruttore nazionale di alpinismo e arrampicata libera del Cai. Fotografo e giornalista, è apparso in trasmissioni televisive di carattere scientifico-divulgativo (Superquark, Gaia, Calipso). E’ autore di articoli su riviste specializzate di alpinismo e su guide di montagna. 

Spesso le pareti dove “arrampica” gli hanno offerto appigli curiosamente bucati: coralli oggi sollevati dal mare alle pareti rocciose. Nel Mediterraneo studi su questi depositi, ma anche su stalattiti sommerse in grotte profonde e su reperti archeologici ora sott’acqua, danno importanti indicazioni anche sulle coste che potrebbero essere sommerse in un futuro forse non così lontano. 

La paleoclimatologia, ossia lo studio delle condizioni climatiche presenti nelle epoche passate e delle cause dei loro cambiamenti, può aiutarci a fare delle proiezioni sul futuro e anche a capire meglio la nostra storia. Questa scienza può anche portare nuove indicazioni su argomenti che hanno colpito, da sempre, la fantasia di molti, come la localizzazione della mitica città di Atlantide, che la leggenda vuole sommersa e che forse tutti cercano nel posto sbagliato.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 165 volte, 1 oggi)