OFFIDA – E Mezzina fu. La strada di collegamento tra Offida e Castel di Lama verrà riaperta quest’oggi, 2 dicembre (almeno queste sono le informazioni ufficiali a meno di ostacoli dell’ultim’ora). Giovanni Stracci, presidente del quartiere San Lazzaro di Offida, si congratula con le “forze politiche e i tecnici per la fattiva collaborazione, in particolare con il presidente della Provincia Celani, l’assessore Allevi e il consigliere provinciale Lucio D’Angelo alle quali i vertici provinciali hanno debitamente risposto. Grazie anche ai sindaci interessati, che hanno compreso il motivo dell’agitazione popolare ed hanno sollecitato i responsabili che hanno evitato la chiusura fino al 31 dicembre, che avrebbe ostacolato la kermesse della pallavolo internazionale di dicembre e le feste natalizie. Quando si vuole si può, ed il continuo controllo e sollecitazione dei consigli di Quartieri San Lazzaro e Lava di Offida e Valentino e Cabiano di Castel di Lama hanno contribuito alla rimozione degli ostacoli organizzativi e ad una breve realizzazione dell’ultimo tratto”.

Continua Stracci: “Su questa strada si dovrà affrontare la realizzazione dell’ultimo stralcio, non si arrivi ad un altro scontro per la realizzazione di questa importantissima arteria che deve essere motivo di confronto sereno e leale, ascoltando le possibili soluzioni che possono venire anche dagli umili consigli degli abitanti e che inevitabilmente subiranno dei disagi. Prima di metterci davanti al fatto compiuto, chiediamo un incontro al presidente Celani per poterne valutare alcuni aspetti, perché sicuramente la Collecchio-San Lazzaro in queste condizioni non potrà sostenere una lunga chiusura della Mezzina”.

“Chiediamo che la nuova ditta appaltatrice non faccia soste assurde come quella attuale, che si lavori nei week end, anche la notte, come si fa in casi urgenti tipo autostrade. Ad esempio chiusure notturne, sensi unici, e tante altre possibilità che non dobbiamo essere noi a proporre, ma i tecnici responsabili. Continueremo con la nostra collaborazione, sempre attenti all’evolversi della situazione ma chiediamo subito un confronto per una proficua collaborazione tra istituzioni, tecnici ed abitanti” conclude.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 411 volte, 1 oggi)