ASCOLI PICENO –  Si è svolta oggi presso il tribunale dei minori di Napoli l’udienza relativa alla revoca della patria potestà per Salvatore Parolisi della piccola Vittoria, la figlioletta del caporalmaggiore accusato dell’assassinio della moglie Melania Rea, avvenuto a Ripe di Civitella il 18 aprile scorso.

I familiari della vittima, presso i quali la piccola Vittoria è rimasta in questi mesi successivi all’arresto del padre, hanno chiesto che la bimba possa rimanere con loro. Anche se l’affidamento della minore è stato chiesto anche dalla sorella di Salvatore, Franca Parolisi. Richiesta che ha “sorpreso e deluso” la famiglia Rea.

Il tribunale dei minori di Napoli dovrebbe pronunciarsi entro sette giorni sull’affidamento ma è possibile anche che dichiari la propria incompetenza lasciando il compito alla giustizia ordinaria.

Intanto oggi per la prima volta dopo l’arresto, i parenti della vittima hanno potuto incontrare Salvatore. “L’ho voluto guardare negli occhi ma lui non mi ha degnato neppure di sguardo”, ha detto Michele Rea, fratello di Melania, riguardo Salvatore. Alla domanda se ritenga che sia lui Salvatore l’assassino, Michele ha risposto che “non si può capire questo dallo sguardo ma le carte cantano e tutto porta a lui”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 201 volte, 1 oggi)