ASCOLI PICENO – La vigilia di Ascoli-Varese presenta un cielo terso e una giornata luminosa, quasi ad indicare che il periodo nero, anzi, nerissimo è ormai alle spalle. I tre punti riottenuti grazie al Tnas non sono il massimo, ma fanno guardare con più ottimismo la classifica. Eppure mister Silva mantiene alta la concentrazione: per lui poco o niente è cambiato. “I punti che abbiamo riottenuto martedì sono importanti, è ovvio. E’ come se avessimo ottenuto un’altra vittoria sul campo. Resta il fatto – sottolinea il tecnico – che non devono costituire una semplice spinta a far meglio. Devono darci ancora più responsabilità nell’affrontare questo campionato”.

Al ‘Del Duca’ arriverà il Varese che, malgrado una bella lista di indisponibili, resta una squadra tosta: “Hanno un bel gioco offensivo, soprattutto fuori casa. Il nostro intento sarà di bloccare la loro manovra con il raddoppio di marcatura nelle zone giuste”. Giusto e all’altezza, però, dovrà essere anche il carattere dei bianconeri: “Spero sia lo stesso che abbiamo messo in mostra nelle ultime partite. La squadra sta bene, si vede”. In porta, torna dopo sei anni a calcare l’erba di Ascoli Roberto Maurantonio, ma per Silva non c’è nessun problema, anzi: “Abbiamo piena fiducia in lui. E’ uno del gruppo come tutti e ha anche esperienza”. Sul bel momento di Papa Waigo, che, nella sua gestione è tornato a giocare dove meglio rende, dice: “Per le caratteristiche che possiede può ricoprire più ruoli. Logico che davanti ha più libertà di azione. Se punta ad essere capocannoniere? A me interessa solo che segni per l’Ascoli”. Infine, il mister lancia un messaggio ai tifosi: “Spero che ci diano la carica che serve, come con il Bari. Anzi, di più“.

Sono 19 i convocati dal tecnico di Pinarolo Po: restano a casa gli squalificati Guarna e Parfait e gli infortunati Andelkovic, Giovannini e Romeo. C’è il reintegrato Melillo, che avrà sulle spalle il numero 1. A parte i cinque di centrocampo, dove le scelte sono quasi obbligate, potrebbero esserci novità in attacco e in difesa, come dimostrato nell’allenamento di rifinitura: in prima linea, nonostante si vada verso la conferma della coppia Soncin-Papa Waigo, Silva ha provato Boniperti trequartista dietro di loro. Non è da escludere neanche un impiego di Beretta al posto del numero 99, né quel Vito Falconieri scalpitante in panchina. In difesa, invece, si è visto nelle prove un trio inedito formato da Ciofani, Peccarisi e Tamburini. Probabile, dunque, un turno di riposo per Faisca.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 162 volte, 1 oggi)