ASCOLI PICENO – Premiate oggi, lunedì 12 dicembre,  presso l’aula verde della Regione Marche le scuole vincitrici marchigiane del concorso “Enel Play Energy”, la competizione che l’azienda elettrica dedica da otto anni al mondo della scuola in Italia e nel mondo.

Provengono da Grottammare, Senigallia, Ancona e Tavullia gli studenti vincitori dell’edizione 2010-2011 intitolata “E tu di che energia sei?” che questa mattina sono stati premiati dall’assessore all’energia e all’ambiente Sandro Donati presente alla cerimonia. Nell’ordine hanno vinto la scuola primaria zona ascolani di Grottammare con il progetto “W l’energia che non produce scuole”; per la categoria creativa la scuola secondaria di 1°grado Marchetti di Senigallia con il progetto “Parco Marino Nautilus”; per la categoria illuminata la scuola secondaria di 2°grado I.I.S Podesti-Calzecchi Onesti di Ancona con il progetto “Layout Maglia Playenergy”. La menzione speciale è stata assegnata alla scuola secondaria di 1°grado di Pian del Bruscolo di Tavullia con il progetto “Siamo alternativi”.

“La Regione Marche nel settore energetico – ha sottolineato Donati – sta investendo da anni nella promozione delle fonti di energia rinnovabili, nella nuova economia verde e nella valorizzazione e recupero energetico degli immobili. E’ stata la prima in Italia ad avere un piano energetico ambientale regionale perché le politiche ambientali devono integrarsi con le politiche di settore. Immagino che nel lavorare a questo concorso, chi vi ha seguito vi ha spiegato cos’è il protocollo di Kyoto. Sapete che la comunità Europea ha assunto come obiettivo il cosiddetto 20-20-20, cioè la riduzione delle emissioni di gas serra del 20% e il raggiungimento del 20% di produzione di energia da fonti rinnovabili entro il 2020”.

Tutti i settori dell’energia – ha concluso l’assessore – sono stati incentivati negli ultimi anni attraverso i bandi regionali: geotermia, eolico, solare, fotovoltaico, cogenerazione e trigenerazione: tutto con l’obiettivo di promuovere la diffusione delle fonti rinnovabili, partendo dal settore pubblico che deve rimanere un punto di riferimento per lo sviluppo delle politiche energetiche regionali. Con questo impegno la Regione Marche va avanti verso un futuro sostenibile e la scuola deve essere il primo fondamentale momento di informazione/formazione”.

Ancora una volta gli istituti della regione Marche hanno confermato una grande attenzione verso il progetto promosso da Enel che ha visto la partecipazione di oltre 7400 studenti rappresentati da 160 istituti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 110 volte, 1 oggi)