ASCOLI PICENO – L’ennesimo taglio al sistema di trasporti pubblici locale non va giù a nessuno.

Compresa l’Idv che, già insoddisfatta dalle manovre proposte dalla riforma Monti, ora intravede nella soppressione di alcune corse ferroviarie nel nostro territorio l’ennesimo sgarro maturato dal Governo nei confronti del Piceno, con la complicità della Regione Marche.

“In principio fu la soppressione delle fermate dei convogli a lunga percorrenza a San Benedetto. -scrivono in una nota i responsabili Cardilli e Marini – Poi sono venute la sostituzione di alcune corse sul capoluogo anconetano e la soppressione dei primi treni Ascoli – San Benedetto. E le prospettive non sono che, ad esser ottimisti, nere”.

“I tagli imposti dal governo Berlusconi – affermano –  (e confermati dal governo Monti, che anziché far pagare a chi più ha, come al solito “bastona” i soliti noti) iniziano ad avere i contorni sempre più marcati: abbandono totale del Piceno, dei suoi cittadini e delle sue imprese. Un’ennesima mazzata che non può lasciare indifferenti, visto che va a sommarsi alla politica penalizzante che da troppo tempo viene dalla Regione”.

“Studenti, operai e pendolari, -denunciano ancora – già costretti a viaggiare in condizioni precarie rischiano di esser costretti a rimpiangere il servizio scadente (in termini di qualità, pulizia e sovraffollamento) che Trenitalia loro offriva. Per non parlare delle nefaste conseguenze sul turismo, che si vede privato di un importante mezzo di collegamento, soprattutto per i più giovani”.

Per l’Idv la proposta è quella di riunire intorno ad un tavolo istituzioni e parti interessate per affrontatre il problema della carenza infrastrutturale e dei servizi nel territorio.”Abbiamo per giorni letto vuote parole e inutili rassicurazioni da parte di amministratori e politici. A breve organizzeremo un tavolo di discussione, cui inviteremo tutte le parti penalizzate, per decidere assieme come muoverci e come manifestare il nostro fortissimo dissenso”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 204 volte, 1 oggi)