ASCOLI PICENO – E’ stato indetto il bando di concorso per l’assegnazione di alloggi di edilizia agevolata destinati alla locazione primaria e permanente a canone concertato, di n.30 alloggi realizzati a Borgo Solestà in un’ala della Casa Albergo “Ferrucci”.

Il bando di concorso è rivolto esclusivamente ai cittadini ricompresi in una delle categorie sociali appresso indicate:

a) nuclei familiari costituiti da almeno 1 anziano ultrasessantacinquenne;

b) nuclei familiari costituiti da almeno 1 componente diversamente abile (si considera tale il cittadino affetto da menomazione che comporti una diminuzione permanente della capacità lavorativa pari o superiore al 66%);

c) nuclei familiari sottoposti a provvedimenti esecutivi di rilascio di immobile, alla data di pubblicazione del presente bando, come appresso specificati: rilascio dell’alloggio a seguito: di ordinanza di sgombero, di provvedimento di omologa della separazione rilasciato dal Tribunale o sentenza passata in giudicato con obbligo di rilascio dell’alloggio, di esecuzione immobiliare, di immobile dichiarato dal Comune inagibile, di verbale di conciliazione, ovvero a seguito di altro provvedimento giudiziario o amministrativo per finita locazione; sono escluse le sentenze esecutive per morosità;

d) nuclei familiari di “giovani coppie” di cui almeno uno dei due componenti abbia meno di 35 anni di età, sposati da non più di tre anni;

e) nuclei monoparentali costituiti cioè da un solo genitore con figli minori a carico.

Gli alloggi da assegnare, ubicati in un’ala della Casa Albergo “Ferrucci” nel quartiere di  Borgo Solestà, sono di piccole dimensioni, con superfici che variano da circa metri quadrati 40 a circa metri quadrati 65.

Il canone di locazione “concertato” sarà determinato ai sensi dell’articolo 2, comma 3 della legge regionale  431/98. L’importo del canone è definito per singolo alloggio con riferimento ai valori medi previsti dall’accordo territoriale applicabile in questo Comune, vigente alla data di sottoscrizione del contratto di locazione.

Possono presentare domanda quanti siano in possesso dei seguenti requisiti obbligatori:

– essere cittadini italiani o di un Paese appartenente all’Unione europea ovvero cittadini di Paesi che non aderiscono all’Unione europea, titolari di carta di soggiorno o possessori del permesso di soggiorno di durata biennale;

– avere la residenza o prestare attività lavorativa in un Comune della Regione ovvero essere cittadini italiani residenti all’estero che intendono rientrare in Italia;

non essere titolari, in tutto il territorio nazionale, della proprietà, uso, usufrutto o altro diritto reale di godimento, di abitazione adeguata alle esigenze del nucleo familiare o che non sia stata dichiarata unità collabente (inabitabile) ai fini del pagamento dell’imposta comunale sugli immobili (ICI);

– aver percepito, nell’anno 2010, un reddito del nucleo familiare rientrante nei massimali di reddito di cui alla DGR n. 1804/02, calcolato con le seguenti modalità (articolo 21 della Legge 457/78): si sommano tutti i redditi fiscalmente imponibili risultanti dall’ultima dichiarazione dei redditi presentata da ciascun componente del nucleo familiare con le detrazioni previste dall’art.21 della Legge 457/78, cioè di €. 516,46 sul reddito complessivo per ogni figlio che risulti essere a carico e calcolando nella misura del 60% i redditi da lavoro dipendente che concorrano alla formazione del reddito complessivo. Il limite di reddito, così come innanzi calcolato, non deve essere superiore ad €. 39.591,42;

– non aver avuto precedenti assegnazioni in proprietà o con patto di futura vendita di un alloggio realizzato con contributi pubblici o precedenti finanziamenti agevolati in qualunque forma concessi dallo Stato o da enti pubblici, salvo che l’alloggio non sia più utilizzabile o sia perito senza aver dato luogo a indennizzo o a risarcimento del danno;

La domanda di partecipazione al presente concorso dovrà essere redatta avvalendosi  esclusivamente dei modelli predisposti dal Comune, in distribuzione presso l’Ufficio “Problemi Abitativi” in Corso Mazzini n. 307 o scaricabile dal sito internet:www.comune@ ascolipiceno.it;

Le domande dovranno pervenire al Comune di Ascoli Piceno – Servizio Protocollo, in Piazza Arringo n.1, entro e non oltre il 25 gennaio 2012; l’invio è consentito anche a mezzo lettera raccomandata A.R., facendo fede la data del timbro postale;

L’Ufficio Problemi abitativi del Comune, ubicato in Corso Mazzini n. 307, è a disposizione degli interessati per tutti i chiarimenti e le informazioni necessarie, nei seguenti orari per il ricevimento del pubblico: lunedì e mercoledì  dalle ore 10.00 alle 13.00; martedì e giovedì dalle ore 16.00 alle 17.00.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 365 volte, 1 oggi)