ASCOLI PICENO – I rincari che hanno colpito un po’ tutta Italia con l’arrivo del 2012 sono stati ancora più forti nelle Marche: così, in base alle classifiche che si stanno facendo in questi giorni, la regione Marche risulta quella dove la benzina verde è la più cara d’Italia, oramai a 1,80 euro al litro, in qualche caso anche 1,82.

Colpa dell’accisa regionale ulteriore di 5 centesimi decisa per trovare i fondi da destinare alle zone alluvionate lo scorso marzo, dopo che dal Governo centrale è arrivato il rifiuto di concedere i 50 milioni di euro previsti. Da Ancona Sinistra Ecologia e Libertà si è fatta sentire, chiedendo alla giunta Spacca di rivedere comunque questa decisione.

Fatto sta che nelle zone di confine come la parte meridionale del Piceno, si sta assistendo ad un fenomeno di “pendolarismo” del rifornimento. Basti pensare che basta spostarsi di pochi chilometri verso l’Abruzzo e per un pieno si possono spendere anche 10-11 euro in meno.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.049 volte, 1 oggi)