ASCOLI PICENO – Grande attesa al Palazzo dei Capitani venerdì 13 alle 12.30 per l’arrivo di Alessandro Preziosi nella conferenza stampa, aperta al pubblico, di presentazione del Cyrano de Bergerac, la commedia di Rostand di cui è protagonista al Teatro Ventidio Basso sabato 14 e domenica 15 gennaio.

Elogi e ringraziamenti all’attore da parte del sindaco Guido Castelli e dell’assessore alla Cultura Davide Aliberti, che ha sottolineato come abbia privilegiato aspetti del sociale e che promuovono la gioventù ed ha annunciato il sold out per lo spettacolo e un nuovo incontro con il pubblico domenica alle 18.

“Ho viaggiato in lungo e in largo per questa regione, le Marche, e ne conosco ogni anfratto; i colori ed i profumi di questa terra mi hanno riempito il cuore, sono fonte di grande e consistente ispirazione”, accende il suo pubblico così Preziosi, menzionando i luoghi visitati per lavoro e ricordando quando 12 anni fa girava in Piazza del Popolo per calarsi nel ruolo di Laerte, interpretando allora l’Amleto al Ventidio Basso, un teatro, a detta sua, che gli è particolarmente caro: “Sono felice di essere tornato al Ventidio Basso, ne sono rimasto impietrito; ho provato una sensazione strana, mi sembrava di non essere tornato in un teatro da una vita.”

Sottolineando la natura poetica del testo poi, l’interprete di Cyrano ha parlato del suo personaggio, passato alla storia perché indice di dignità e libertà nell’esprimere ciò che sente, e del suo sentimento di inadeguatezza rispetto al comune sentire del bello: “Volevo sperimentare l’idea di raccontare la bellezza rispetto a come gli altri ci vedono e come ci vediamo noi quando, sentendoci a disagio, diventiamo arroganti o chiusi o spocchiosi”.

Applausi, infine, al cast del Cyrano, 14 attori di cui 9 ragazzi della Link Academy, di cui Preziosi è direttore, che non avevano mai messo piede su un palco, “persone di grande umanità – come ha evidenziato – che hanno dato un contributo alla creazione di quest’opera”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.035 volte, 1 oggi)