ASCOLI PICENO – La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ascoli ha notificato oggi a Katia Reginella e Denny Pruscino, che si trovano in carcere,  la chiusura delle indagini sulla sorte del figlio Jason di pochi mesi, di cui non si hanno notizie dalla fine del giugno scorso.

Confermate le pesanti accuse per la coppia: omicidio volontario aggravato e distruzione di cadavere. I due, attraverso i loro legali, avranno ora venti giorni di tempo per depositare altri documenti, memorie o chiedere di essere di nuovo ascoltati.

Finora le audizioni sono state numerose e molto contradditorie. Katia e Denny in passato si sono visti sottrarre l’affidamento di altri due figli dopo che questi avevano riportato dei pesanti traumi in seguito, si teme anche se non è stato mai accertato,  a maltrattamenti. In questi mesi, sul piccolo Jason hanno sempre fornito agli inquirenti versioni contrastanti, prima difendendosi reciprocamente, poi accusandosi l’un l’altra.

Il  corpo del piccolo non è stato mai ritrovato nonostante le numerose ricerche effettuate nei luoghi confusamente indicati dai due genitori durante gli interrogatori.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 159 volte, 1 oggi)