ascolta l’intervista di Silva per PicenoOggi.it, clicca sull’icona sulla destra

attendi qualche secondo per il caricamento dello spot

il numero di visualizzazioni su YouTube non tiene conto del numero di visualizzazioni su PicenOggi.it

ASCOLI PICENO – Vincere, per forza. Non può essere altrimenti lo slogan per presentare la sfida di domani tra Ascoli e Gubbio (ore 15, arbitra Pinzani di Empoli). Per i bianconeri di Silva una vittoria è linfa vitale per coltivare la speranza della salvezza anche se gli avversari non sono tra i migliori da avere in questo momento. Tornare a vincere al ‘Del Duca’, dunque, dove il segno ‘1’ manca dal 28 novembre (Ascoli-Bari 3-1).

“I giocatori si sono allenati con lo giusto spirito – afferma il mister alla vigilia, presentando la gara contro gli uomini di Gigi Simoni -, li ho visti carichi e non disturbati dal mercato. Dobbiamo vincere a tutti i costi e speriamo che questa volta la fortuna sia dalla nostra parte, cosa che non accade da un pò”. La voglia di riscatto è alta nella truppa, aumentata dalla buona prova di una settimana fa col Toro: “Ho cominciato questa settimana cercando di ricaricare la squadra. Avevamo fatto una bella prestazione e i ragazzi erano usciti rammaricati dalla sconfitta. Partiamo anche da qui”. Qualche modifica rispetto a sabato ci sarà, a cominciare dalla sostituizione di Marcello Gazzola:”Se farò subito giocare Scalise? In fin dei conti lui la condizione ce l’ha, visto che ha sempre giocato. Certo, a volte per un nuovo acquisto occorre anche il giusto ambientamento per poter esordire, ma l’ho visto bene in questi giorni. Per il resto – prosegue Silva – dobbiamo valutare bene, dato che abbiamo qualche acciaccato. Andelkovic o Ciofani? Devo decidere”.

Intanto è sempre tempo di mercato. Dopo Scalise il tecnico aspetta altri rinforzi, tra i quali, a parole sue, non ci sarà Cosimo Chiricò. “Credo proprio che non verrà purtroppo. Il Lanciano non lo lascia partire, nonostante lui volesse. Peccato perché è un bel giocatore che volevo particolarmente. I tifosi non vogliono Gerardi? E perché mai?  Speriamo che arrivi qualcuno davanti che possa darci una mano. I nomi ci sono, ma non è un mercato facile”.

Tra i 19 convocati per la sfida con gli eugubini c’è anche Parfait, che aveva saltato la rifinitura per influenza. Unici assenti Romeo e Giovannini. Si tratta di un inedito quello tra Ascoli e Gubbio: solo alcune sfide negli anni ’30 e ’40, ma nessuna in serie B. All’andata, a decidere il 3-2 per i bianconeri furono una doppietta di Sbaffo e la rete di Papa Waigo, 28 anni oggi. Quale miglior modo di festeggiare il compleanno con un gol?

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 131 volte, 1 oggi)