ASCOLI PICENO – Lunedì denso di notizie quello che riporta l’Ascoli al lavoro per prepararsi al meglio in vista della trasferta di Vicenza. Dopo che la mattina si era aperta con la ‘coraggiosa’ richiesta firmata da Vittorio Micolucci del corposo pagamento da parte della società di Corso Vittorio Emanuele (vedi l’articolo a parte), il pomeriggio ha portato con sé un volto nuovo al ‘Città di Ascoli’. Non si tratta di un neo acquisto, anche se potrebbe diventarlo, bensì di un giocatore in prova: Lucas Kutra, classe ’91, della Repubblica Ceca, è un esterno di centrocampo proveniente dal Fc Zlin, squadra della serie b ceca. Kutra, che potrà giocare anche come mezz’ala, rimarrà per qualche giorno sotto gli occhi di Silva e i suoi assistenti.

Lo stesso tecnico bianconero torna sulla gara vinta contro il Gubbio di sabato scorso, rivelando come ci sia un’aria diversa nello spogliatoio. “Non essere ultimi è già una bella sensazione, anche se bisogna rimanere calmi. Mi fa piacere vedere nella squadra uno spirito migliore, partita dopo partita”. Tutto merito dei tre punti raccolti contro gli eugubini: “Avevo detto alla squadra che ormai lottare alla pari non sarebbe bastato. Occorreva che ognuno di loro mettesse qualcosa in più per poter vincere. Così come io stesso ho cercato di dare qualcosa. Mi riferisco – spiega Silva – all’aver invertito Sbaffo e Di Donato. Un cambio fatto sia per attaccare meglio il Gubbio, sia per far rendere di più Alessandro che so può essere più pericoloso in quella posizione. Così come avevo chiesto agli attaccanti di giocare più vicini”. E se in attacco Papa Waigo gioca bene, l’Ascoli vince quasi sempre: “E’ determinante per noi. Lui ha più blasone di altri e si è messo a disposizione della squadra. Mi hanno fatto molto piacere le sue parole per il gruppo nel dopo gara”. Infine, sul neo arrivato Scalise: “Rispetto a Gazzola è più offensivo, per questo ha dimostrato già che in casa può essere prezioso. Sa come recitare quel ruolo avendoci giocato nel 3-4-3 di Auteri”.

Ora la trasferta di Vicenza, dove il tecnico pensa a qualche modifica, dato che martedì prossimo al ‘Del Duca’ arriva la Nocerina: “Sto pensando a dei cambi, un pò in tutti i reparti. Non possiamo spremere sempre gli stessi”. I nuovi volti potrebbero essere quelli di Beretta e Ilari, al posto di Soncin e Sbaffo, ma gli allenamenti della settimana risolveranno i dubbi. Dubbi che riguardano attualmente il mercato, sia in entrata che in uscita. Silva dice: “Una certezza c’è: chi arriverà dovrà avere il piacere di venire da noi. Deve avere voglia di fare e di mettersi a disposizione per la causa. Speriamo di avere già qualche acquisto per la gara con la Nocerina”.

E’ chiaro che la società punta ad un esterno di sinistra, come alternativa a Pasqualini, e ad un centravanti di peso. Per quest’ultimo Gerardi del Grosseto sarebbe ad un passo. Indiscrezioni, invece, vogliono ancora aperte le porte che conducono a Chiricò. Sembra che alla fine prevarrà la volontà del giocatore di vestire bianconero.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 642 volte, 1 oggi)