ASCOLI PICENO – Animata conferenza stampa nel pomeriggio di giovedì 9 febbraio nella segretaria ascolana dell’Udc. Renato Tosti Guerra ha presentato il programma del partito per il congresso locale che si svolgerà sabato e domenica prossimi, al polo Sant’Agostino. L’attenzione sarà focalizzata sia sugli scottanti temi sociali legati al lavoro e alla famiglia sia sulla profonda trasformazione che interesserà il partito nei prossimi mesi.

Il rinnovato e forte consenso popolare che sentiamo circonda il nostro partito in questo momento ci fa sentire ancora di più il peso della pesante condizione economica che sta attraversando il piceno”, queste le accalorate parole di Tosti Guerra, “le famiglie sono preoccupate per il loro futuro che vedono incerto. Il territorio ascolano ha perso migliaia di posti di lavoro e ormai da tempo tante persone stanno vivendo con i soldi di cassa integrazione e mobilità ma gli ammortizzatori sociali stanno finendo. Che cosa faranno tutti quelli che nei prossimi mesi si troveranno senza redditi?”. “Nel congresso l’Udc farà tante proposte agli amministratori locali per cercare di dare un futuro alla nostra gente, per riscoprire le origini del nostro territorio e che forse potrebbero essere le basi per una economia locale, legata all’agricoltura e al turismo”, così ha proseguito Tosti Guerra. “Accanto all’aspetto sociale ci sarà anche la presentazione di un rinnovato piano politico che porterà presto l’Udc a un cambiamento forte e potrebbe anche mettere in discussione l’esistenza stessa del partito in vista di una grande riorganizzazione di tutte le forze democratiche di centro”.

Il Congresso sarà un momento di cambio ai vertici del partito; Tosti Guerra, attualmente segretario per il comune di Ascoli, non si ricandiderà ma proporrà per l’incarico il dottor Manes, che ha dato la sua disponibilità.

E’ il momento di lasciare spazio ai giovani e speriamo che l’appuntamento del prossimo fine settimana sia l’occasione per dare loro non solo una voce ma anche per farli entrare in ruoli direttivi del partito”, ha commentato Francesco Viscione, segretario provinciale Udc.

Presentazione degli scenari futuri del partito dunque ma anche momento di dura critica agli amministratori locali: “L’attuale giunta comunale è stata quella che ha fatto più promesse durante la campagna elettorale ma dopo quasi mille giorni di governo stiamo ancora aspettando fatti concreti”, va giù pesante Tosti Guerra. “Il piano regolatore è ancora in alto mare, uno strumento questo che potrebbe dare respiro all’edilizia locale e fermare la migrazione di cittadini verso le frazioni”, prosegue il segretario comunale Udc “il sindaco  sembra  troppo impegnato a comparire sui giornali per avere il tempo di dedicarsi ai problemi della sua città”.

Viscione ha rincarato la dose di critiche e ha dichiarato: “Il sindaco ha deciso, in un momento così delicato per le finanze comunali, di investire ben 80 mila euro di soldi pubblici per potenziare la comunicazione municipale. Forse si poteva trovare un modo migliore per destinare i soldi dei cittadini, magari potenziando i servizi sociali che si stanno facendo sempre più scarsi”. “La riqualificazione delle frazione è un altro tema su cui Castelli aveva fatto la sua campagna elettorale ma ad oggi non abbiamo visto un solo intervento per attuare le promosse fatte”, ha concluso il segretario provinciale.

Si annuncia una opposizione dura da parte dell’Udc, disposta al confronto e al dialogo ma ferma nelle sue posizioni. Un partito con cui l’attuale amministrazione comunale dovrà fare i conti, visto anche che il vento del consenso popolare sembra spirare a favore di una rinnovata ideologia di centro.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 296 volte, 1 oggi)