ASCOLI PICENO – Domenica 12 Febbraio al Teatro Ventidio Basso è andato in scena “Nu Sante in Paradise”, atto unico di Sabina Gaspari, messo in scena dalla Compagnia In-Stabile dei Genitori della Scuola Suore Concezioniste di Ascoli Piceno.

Scritta nel febbraio 2006 e più volte rappresentata, la commedia in vernacolo trae origine da un noto fatto di cronaca sportiva: la trepidazione dei tifosi ascolani, nel corso dell’estate 2005, per il ripescaggio dell’Ascoli Calcio, allora sesta classificata nel campionato cadetto, nella massima divisione.

Senza dubbio esilarante la trama. In Paradiso, Costantino Rozzi e il Servo di Dio Monsignor Francesco Antonio Marcucci, fondatore della Congregazione delle Suore Concezioniste, lottano rispettivamente per le rispettive promozioni e riconoscimenti, dando vita ad equivoci, gag e situazioni del tutto paradossali.

Interpreti della pièce, piena di fervore e di ispirazione carnascialesca, i genitori degli alunni della Scuola Suore Concezioniste e un nutrito gruppo di note personalità del mondo cittadino: tutti bravissimi e spiritosi.

Tra gli attori caratteristi, da segnalare due interpreti d’eccezione: il presidente della Provincia Piero Celani, nei panni dell’Onorevole, e il primo cittadino Guido Castelli, nei panni del Beato Bernardo da Offida.

Il corpo di ballo è stato significativamente impreziosito dalle coreografie dei giocatori dell’Ascoli Calcio guidati dal mister Massimo Silva. Grande sicuramente l’impegno dei bianconeri, impiegati in una performance ballata della durata di circa cinque minuti.

L’autrice e maestra di cerimonia è stata salutata calorosamente e affettuosamente dall’abbraccio di un pubblico domenicale insolitamente variegato e partecipe: mamme, papà, bambini e suore, come mai se ne sono visti al Ventidio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 462 volte, 1 oggi)