ASCOLI PICENO – Venerdì 17 febbraio tanti sostenitori si uniscono per aderire all’iniziativa M’illumino di meno, che coinvolge tutti, Nord e Sud del Paese, senza distinzioni politiche, senza polemiche, e senza limiti alla fantasia: dalla bottega che per tutta la giornata produrrà energia grazie a generatori attaccati a una bici, fino alle innumerevoli cene a lume di candela servite nei ristoranti.

“Antonio Disi, curatore del rapporto annuale sull’efficienza energetica dell’Enea, ci dice che basterebbe modificare il nostro comportamento nel consumare energia per ottenere un risparmio energetico del 20% annuo. Una famiglia di 4 persone che vive in appartamento con un consumo medio annuo di circa 16.000 kwh (termico ed elettrico) ed una spesa di 1600 euro, può risparmiare 10 kwh al giorno equivalenti a circa 400 euro all’anno. Solo con azioni non tecnologiche, che non costano nulla, fanno risparmiare, sono facili da realizzare e assicurano lo stesso livello di benessere”, esordisce così Cardogna, consigliere regionale dei Verdi.

Sono i piccoli gesti quotidiani quelli che cambiano le cose – continua Cardogna – le azioni per modificare i nostri comportamenti rappresentano una palestra molto importante per la costruzione di una nuova cultura energetica; a volte premere un piccolo interruttore può fare la differenza, soprattutto se si è in tanti”. E milioni saranno gli italiani che domani parteciperanno a M’illumino di meno, l’iniziativa lanciata da Massimo Cirri e Filippo Solibello, conduttori del programma radiofonico di Radio2 Caterpillar, che da anni invitano a spegnere le luci e gli elettrodomestici superflui, mostrando risultati clamorosi, in termini energetici, pari all’equivalente dei consumi di sette milioni e mezzo di lampadine

“Anche l’assemblea legislativa delle Marche partecipa – afferma il capogruppo dei verdi – spegnendo le luci del palazzo del consiglio per 1 ora domani pomeriggio. I conduttori hanno dimostrato che le energie rinnovabili arrivano dal basso, non sono in mano a grandi aziende. È la comunità la vera forza su cui far leva per risparmiare energia, perchè sono cittadini che con intelligenza precorrono la politica. L’unica eccezione sono gli amministratori locali che pur non avendo risorse si sono attivati per tempo nell’applicare politiche di risparmio. Quindi oggi, importantissimi sono proprio i ‘Sindaci illuminati’, quelli che si stanno muovendo in questa direzione. Ricordo per questo il Patto dei Sindaci che è una iniziativa della UE e che raccoglie quasi 3500 firmatari di cui 1700 solo in Italia. Obiettivo è mettere a punto piani locali per aumentare l’efficienza energetica e l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 50 volte, 1 oggi)